July 4, 2018 / 7:02 AM / 4 months ago

Borse Asia/Pacifico deboli su tensioni commerciali Usa-Cina

4 luglio (Reuters) - L’azionario dell’area Asia/Pacifico cede terreno man mano che si avvicina la scadenza del 6 luglio, quando scatteranno dazi americani su importazioni cinesi per 34 miliardi di dollari.

L’indice MSCI cede lo 0,4% dopo aver toccato ieri il minimo degli ultimi nove mesi, mentre il Nikkei giapponese perde lo 0,3%.

SHANGHAI lascia sul campo lo 0,7% con l’indice CSI300 che ritraccia dell’1%.

Wall street ieri ha chiuso in calo per via dei realizzi alla vigilia dell’Independence Day. L’S&P 500 ha perso lo 0,49% e il Nasdaq lo 0,86%.

Facebook ha ceduto il 2,3% dopo che il ‘Washington Post’ ha scritto di un’indagine federale legata allo scandalo Cambridge Analytica, la società che si è impossessata di dati riferiti a 50 milioni di utenti.

Micron Technology ha perso il 5,5% dopo che a un suo competitor tailandese, Microelectronics, è stata interdetta la vendita di semiconduttori in Cina. La notizia ha spinto al ribasso i produttori di chip giapponesi come SMC (-5,9%) e Advantest (-4,3%).

Nel fronte valutario lo yuan guadagna terreno dopo aver toccato ieri il minimo da 11 mesi.

La banca centrale cinese ha diffuso un comunicato in cui scrive che è in corso un monitoraggio sulle fluttuazioni nel mercato valutario e ribadisce che cercherà di mantenere il cambio su un livello stabile e ragionevole.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below