May 2, 2018 / 11:32 AM / 5 months ago

Greggio in rialzo su timori Iran

LONDRA (Reuters) - Il greggio ha recuperato un po’ di terreno dopo i cali degli ultimi giorni, aiutato dai timori su possibili nuove sanzioni Usa all’Iran, anche se i guadagni sono frenati dall’aumento della fornitura statunitense.

** Intorno alle 12,45 italiane, il contratto sul Brent per consegna luglio perde 18 cent a 72,94 dollari. La scadenza giugno del greggio leggero Usa Wti guadagna 16 cent a quota 67,42.

** “Il rumore geopolitico resta forte e in parte ha spinto i prezzi verso i 75 dollari al barile”, spiega Norbert Ruecker, responsabile delle commodity e delle strategie macro di Julius Baer. “L’elevata incertezza suggerisce che si andrà avanti con prezzi volatili”.

** L’Iran, membro Opec, è nuovamente emerso tra i principali esportatori nel gennaio 2016, quando sono state eliminate alcune sanzioni internazionali contro Teheran, in cambio di una riduzione del suo programma nucleare.

** Gli Usa però si stanno interrogando sulla sincerità dell’Iran nell’implementare i tagli al programma e il presidente Donald Trump ha minacciato di imporre nuovamente le sanzioni.

** Le esportazioni di greggio dell’Iran hanno raggiunto i 2,6 milioni di barili al giorno ad aprile, secondo il ministero del Petrolio, un record dall’eliminazione delle sanzioni. Cina e India hanno acquistato circa la metà della produzione.

** Trump deciderà il prossimo 12 maggio se ripristinare le sanzioni sull’Iran.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below