April 12, 2018 / 7:08 AM / 8 months ago

Borse Asia in calo su tensioni crescenti Medio Oriente

12 aprile (Reuters) - I mercati della regione Asia-Pacifico sono oggi in calo dopo che la minaccia di intervento Usa in Siria ha spaventato gli investitori e provocato un rialzo dei prezzi del petrolio ai massimi dal 2014.

** L’indice regionale MSCI perde quasi lo 0,4%. Tokyo ha chiuso a -0,12%.

** Ieri sera Wall Street ha chiuso in perdita.

** Il presidente Usa Donald Trump ieri ha avvertito la Russia di un imminente attacco in Siria dopo il presunto attacco con i gas ordinato dal presidente siriano Bashar al-Assad, sostenuto da Mosca. Sia la Siria che la Russia hanno negato alcuna responsabilità. Le dichiarazioni di Trump fanno temere un conflitto in Siria tra le due superpotenze, mentre si registra anche un’escalation nella tensione tra Arabia Saudita e Iran.

** “L’anno scorso Russia e Siria non hanno risposto al lancio di missili da parte degli Usa. Ma questa volta la portata di un possibile attacco dell’America e dei suoi alleati sembra maggiore. Se la Russia risponde, il fronte della guerra si allargherà”, dice Hidenori Suezawa, financial market analyst di SMBC Nikko Securities. “Non penso che stiamo andando verso una guerra mondiale, ma ci potrebbe essere uno scontro diretto per la prima volta tra Usa e Russia, quel tipo di notizia che fa precipitare i mercati”.

** La tensione si è intensificata anche su un altro fronte: l’Arabia Saudita ha detto che la sua contraerea ha intercettato tre missili balistici lanciati su Riyahd e altre città dalle milizie Houthis dello Yemen. Trump ha anche minacciato di annullare l’accordo sul nucleare raggiunto nel 2015 con Teheran.

** Sia il greggio Usa che il Brent hanno raggiunto i livelli più alti dal 2014 a causa dei timori per la situazione geopolitica, nonostante l’aumento delle scorte americane. Il dollaro è leggermente calato sullo yen.

** SYDNEY ha chiuso in calo dello 0,25%, appesantita anche oggi in particolare dai titoli finanziari.

** HONG KONG e SHANGHAI, dopo il rally di ieri, sono nettamente in perdita, sulla scia dei timori internazionali per la situazione in Medio Oriente. Prada perde il 3,4%.

** SEUL e MUMBAI in controtendenza guadagnano lo 0,25% circa, TAIWAN e SINGAPORE calano dello 0,2% circa. Sulla borsa della città-stato pesa anche la performance negativa di Singapore Telecommunications Ltd, che perde l’1,5%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below