March 29, 2018 / 4:25 PM / 6 months ago

Tim si riserva azioni su odg assemblea nomina consiglieri Elliott

MILANO (Reuters) - Telecom Italia (Tim) non si pronuncia sulla mossa del collegio sindacale di consentire al fondo Elliott di portare al vaglio dell’assemblea del 24 aprile la nomina dei suoi rappresentanti, ma si riserva di intraprendere azioni.

Lo dice una nota, precisando che la società attende la documentazione “per procedere agli adempimenti pubblicitari”, in materia dell’integrazione dell’ordine del giorno del 24.

I sindaci con una nota del 27 marzo hanno annunciato la decisione di integrare l’agenda dei lavori dell’assemblea dopo che otto consiglieri, nominati da Vivendi, sui 15 del cda Tim, avevano annunciato le dimissioni senza integrare l’agenda dei lavori dell’assemblea del 24 con la richiesta di Elliott di nominare i suoi rappresentanti.

Il cda Tim di oggi, in risposta alla mossa dei sindaci, ha detto che si riunirà il 9 aprile per eventuali azioni.

La scelta del 9 aprile non è probabilmente casuale, considerato che si tratta dell’ultimo giorno utile per la pubblicazione dell’integrazione dell’ordine del giorno dell’assemblea del 24, dove si potrebbe votare la proposta di Elliott, che detiene il 3,7% circa del capitale ordinario di Tim, più l’1,99% in derivati cash settled.

Tim aveva deciso di non integrare l’agenda del 24, perchè riteneva che, a quella data, il cda era da considerare decaduto ed era necessario rinnovarlo in toto, secondo una fonte legale.

L’oggetto del contendere ora è la deliberazione del 24 aprile, perché se l’assemblea decidesse di votare la proposta di Elliott il cda del gruppo potrebbe cambiare faccia e proseguire praticamente senza rappresentanti del suo primo azionista, Vivendi, che controlla il 23,9% del capitale.

Sull’efficacia dell’eventuale delibera del 24 aprile ci sono opinioni divergenti, spiegano due fonti legali.

Da una parte Elliott ritiene che la decisione del 24 chiuderebbe la questione governance. Il consiglio, attualmente formato solo da consiglieri indipendenti, sarebbe integrato da quelli di Elliott, altrettanto indipendenti e potrebbe continuare a gestire la società.

Vivendi ritiene invece che il consiglio sia da considerare formalmente decaduto dal momento delle dimissioni dei sei rappresentanti nominati dal gruppo francese, efficaci prima che inizi l’assemblea del 24, che quindi non si debba votare la proposta di Elliott e che le nomine vadano rinviate all’assembela del 4 maggio.

Se si andasse a rinnovare tutto il consiglio il 4 maggio Vivendi avrebbe alcuni vantaggi. Anche se finisse in minoranza sarebbe in tutta probabilità in grado di nominare 5 consiglieri su 15, secondo il meccanismo di voto previsto dallo statuto. E questi cinque potrebbero essere rappresentanti di Vivendi.

Inoltre Elliott potrebbe vedere dispersa la possibilità di raccogliere consensi, se ci fosse un’altra lista di investitori istituzionali che si contrappone a Vivendi.

Secondo una fonte legale solo il Tribunale può dirimere la questione, anche Conosb non ha competenza su un everntuale contenzioso di questo tipo. La seconda fonte conferma, aggiungendo che l’oggetto del contendere è la validità di un eventuale voto il 24 aprile.

La nota di Tim di oggi dice che il 9 aprile si riunirà il cda “per discutere delle eventuali azioni a valle della decisione del collegio sindacale di integrare l’agenda dei lavori dell’assemblea (già convocata per il 24 aprile 2018), sulla base della richiesta formulata dai soci Elliott”.

Non è stato possibile avere un ulteriore commento da parte di Tim, Vivendi e del fondo Elliott.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below