March 19, 2018 / 9:29 AM / 8 months ago

Btp in calo, spread stabile su Bund, a massimi da agosto su Spagna

MILANO (Reuters) - Btp in ribasso a metà giornata, in un mercato che tenta ancora di valutare a pieno le conseguenze e le prospettive delle recenti elezioni italiane.

Un trader al lavoro alla borsa di Francoforte. Foto del 22 gennaio 2015. REUTERS/Ralph Orlowski

** Il leader della Lega Matteo Salvini, in merito a un’eventuale alleanza di governo tra M5s e Lega, ha dichiarato che nulla è impossibile o irrealizzabile, secondo quanto riportano stamane i giornali.

** Salvo la reazione istintiva nell’immediato post voto, lo spread Btp/Bund non si è discostato della soglia dei 140 punti base. Tuttavia, più che su Germania, la carta italiana appare in difficoltà nei confronti degli altri periferici.

** “In termini assoluti i tassi italiani non sono saliti, è vero, ma in termini relativi i Btp stanno pagando, 5 punti persi sulla Spagna in una settimana non è una cosa così positiva” commenta un trader da Milano.

** Durante la settimana scorsa lo spread di rendimento tra decennali italiani e spagnoli ha allargato da 56 a 62 punti base, ai massimi dallo scorso agosto.

** Appare inoltre aumentata la reattività del mercato alle dichiarazioni politiche, come ad esempio giovedì scorso, quando le parole del leader della Lega Salvini sull’euro hanno fatto balzare in pochi minuti lo spread di 4 punti.

** “Ritengo difficile ipotizzare un tasso decennale italiano al 2,50%, ma nel complesso l’Italia sta pagando qualcosa all’esito delle elezioni” prosegue il trader, che segnala per oggi volumi bassi. “Una tale soglia potrebbe essere raggiunta con un governo M5s-Lega, che però confermi, una volta insediato, posizioni esplicitamente euroscettiche”.

** Venerdì Moody’s e Fitch hanno confermano la loro valutazione sul rating sovrano dell’Italia, rispettivamente a ‘Baa2’ con outlook negativo e ‘BBB’ con outlook stabile. Fitch ha ripetuto nel suo comunicato che l’esito del voto rende difficile la formazione del nuovo esecutivo, prevedendo un allentamento della disciplina fiscale nel 2019.

** I numeri sulla produzione industriale italiana di questa mattina evidenziano in gennaio un calo dell’1,9% su mese più ampio delle attese.

** È dato per scontato un rialzo di un quarto di punto dei tassi Usa nel meeting Fed di questa settimana. Ma l’informazione chiave arriverà dai cosiddetti ‘dots’, ovvero le aspettative sui tassi dei membri del board, che potrebbero spostarsi verso quattro rialzi nel 2018, come il mercato ha cominciato a scontare, rispetto ai tre del meeting di dicembre.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below