February 13, 2018 / 8:12 AM / 7 months ago

BTP negativi con periferia e aste, buon interesse per 30 anni

MILANO (Reuters) - MILANO, 13 febbraio (Reuters) - Andamento negativo per il mercato obbligazionario italiano, che segue il trend della periferia della zona euro ed è appesantito dall’offerta di nuova carta da parte del Tesoro, che ha collocato poco meno dei 7,75 miliardi di euro messi a disposizione degli investitori in Btp a tre, 7 e 30 anni.

Un operatore a lavoro. REUTERS/Brendan McDermid

** L’appetito per il rischio è tornato moderato: le borse europee, reduci dal brusco sell-off della settimana scorsa, seguono al momento la scia di Tokyo e sono in rosso, dopo il timido rimbalzo di ieri.

** La recente risalita dei rendimenti, sulle speculazioni di un surriscaldamento dell’inflazione Usa che potrebbe portare Federal Reserve ad accelerare il ritmo delle strette sul costo del denaro, ha restituito un certo appeal alla carta ‘core’, Bund in testa, protagonista oggi di un rally.

** I titoli periferici si muovono invece in direzione opposta.

** Intorno alle 12,30 il tasso del decennale italiano di riferimento agosto 2027 sale in area 2,05% da 2,03% del finale di seduta di ieri.

** Va segnalato che la rilevazione dello spread su Bund su piattaforma TradeWeb è viziata dalla sostituzione del benchmark tedesco utilizzato per il confronto: fino a ieri era il Bund agosto 2027, che rende lo 0,682%, sostituito oggi dal nuovo titolo di riferimento febbraio 2028, il cui rendimento è più alto (0,726%).

** Al netto di tale distorsione, lo spread Btp/Bund 10 anni, sceso a inizio febbraio sotto quota 130 punti base, ai minimi dal settembre 2016, sale a 137 da 133 punti base della chiusura di ieri confrontando i vecchi benchmark (mentre su TradeWeb viene indicato a 134); mettendo a confronto il Btp febbraio 2028, che rende circa il 2,14%, con l’analogo benchmark tedesco il differenziale si attesta in area 142 pb.

** Secondo Gianluca Ziglio, strategist a Continuum Economics, con l’approssimarsi delle elezioni — mancano ormai meno di tre settimane — il tasso decennale italiano potrebbe spingersi fino a 2,15-2,20% e lo spread su Bund in area 150 punti base. “Sono livelli che incorporano un certo grado di incertezza, ma escludono gli scenari più indigesti, come un governo di forze anti-euro”.

IN ASTA RENDIMENTI BTP 3 E 7 ANNI A MASSIMO DA OTTOBRE

Guardando alle aste odierne, il Tesoro, a fronte di un’offerta compresa tra 6,25 e 7,75 miliardi di euro, ha raccolto poco meno del massimo, ovvero 7,677 miliardi.

** In salita ai massimi da ottobre i rendimenti del Btp a 3 e 7 anni (0,05% e 1,43%). Al netto delle commissioni, rileva Ziglio, entrambi i titoli sono usciti in linea al mercato.

** Buon interesse, come da attese, per il marzo 2048, il cui prezzo di aggiudicazione, al netto delle commissioni, “è di 37 centesimi superiore al mercato”, sottolinea Ziglio.

** “La domanda sulla parte lunga della curva è molto forte: sono titoli che vengono riaperti con meno frequenza e che la Bce include nel paniere del quantitative easing: il mercato è a corto di queste scadenze e le aste sono l’unica occasione per acquistarle”, spiega lo strategist.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below