February 5, 2018 / 8:03 AM / in 3 months

Borse Asia in calo su timori inflazione, Shanghai in controtendenza

5 febbraio (Reuters) - I mercati azionari dell’area Asia-Pacifico sono in calo sui timori di ripresa dell’inflazione che avevano già colpito venerdì Wall Street, suscitando l’ipotesi che le banche centrali potrebbero essere costrette a restringere la politica monetaria in modo più aggressivo.

** L’indice MSCI, che non comprende la borsa giapponese, cede alle 8,30 circa l’1,28%, in lieve recupero mentre si avvicina la fine della seduta. TOKYO ha chiuso in calo del 2,55%.

A preoccupare gli investitori sono stati i dati sui salari Usa di venerdì scorso, cresciuti al tasso più rapido da oltre otto anni e mezzo, alimentando le previsioni di aumento dell’inflazione.

I mercati dei future hanno reagito prevedendo il rischio di tre o anche più aumenti dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve quest’anno.

“La prospettiva dell’inflazione in rialzo e una politica monetaria più restrittiva da parte delle banche centrali alla fine sta vedendo una normalizzazione dei rendimenti nei mercati dei titoli sovrani”, dice da Brisbane Matthew Peter, chief economist del fondo pensioni statale australiano QIC. “I mercati equity stanno rispondendo come previsto e stanno correggendo mentre i tassi d’interesse crescono in particolare negli Usa, il maggiore mercato equity con le valutazioni più sotto pressione”.

I rendimenti dei bond a 10 anni del Tesoro Usa è ai massimi da quattro anni e segna 2,86%, dopo che venerdì hanno fatto un salto di almeno 7 punti base. Quello del titolo a due anni è vicino ai massimi da due anni, al 2,162%.

Per lo strategist Alan Ruskin di Deutsche Bank aumenti rapidi dei tassi da parte della Fed sarebbero negativi per i mercati emergenti e le monete-commodity.

** SHANGHAI ha recuperato le perdite grazie alla performance del settore bancario e di quello dei trasporti, chiudendo a +0,7%, mentre HONG KONG perde lo 0,9%, sulla scia delle altre borse asiatiche. Prada in controtendenza sale dell’1,8%.

** SYDNEY ha chiuso in netto calo, -1,56%, appesantita dai titoli finanziari e da quelli legati ai materiali estrattivi, sulla scia di Wall Street.

** MUMBAI perde lo 0,7% ed è in calo per la quinta seduta consecutiva. Gli investitori intanto temono che il governo ampli il target di deficit fiscale per sostenere una spesa più ampia nelle zone rurali e nel settore della salute.

** TAIWAN ha chiuso a -1,6%, SEUL a -1,3% (Samsung ha invertito la rotta e ha guadagnato l’1% dopo la notizia della sospensione della pena per l’ereditiere del gruppo Jay Y. Lee); SINGAPORE perde l’1,2%, soprattutto a causa del settore finanziario, con il calo intraday più marcato dal gennaio 2017.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below