February 1, 2018 / 3:01 PM / 3 months ago

Dollaro torna fiacco dopo rimbalzo su Fed, permane trend debolezza

LONDRA (Reuters) - Dopo un rimbalzo di breve vita, il dollaro è tornato a procedere con fiacchezza, con l’euro che si riporta saldamente sopra 1,24. La valuta Usa ha faticato quest’anno, con l’attesa di strette monetarie in altre parti del mondo che, insieme a una più forte crescita economica globale, concorre a incoraggiare gli investitori a puntare altrove, soprattutto sulla zona euro.

** Con il rialzo delle pressioni inflattive e degli investimenti stranieri in Usa il dollaro non dovrebbe indebolirsi, secondo l’analista di Commerzbank Thu Lan Nguyen. Ma il trend è così forte che anche se i dati macro Usa in agenda venerdì, inclusi i non-farm payroll, risultassero più forti delle attese, “dubito che porti alcun cambiamento al dollaro” dice ancora Nguyen.

** Ieri sera è arrivato il verdetto del comitato di politica monetaria della Fed, l’ultimo dell’era Janet Yellen che, come atteso, ha lasciato i tassi invariati a 1,25-1,50%. L’istituto centrale Usa ha sottolineato un probabile prosieguo dell’innalzamento dell’inflazione nel corso dell’anno, quindi durante il mandato del nuovo governatore Jerome Powell. Citando un rialzo dell’occupazione, delle spese dei consumatori e degli investimenti, la Fed ha detto di aspettarsi un’economia ancora in espansione e che il mercato del lavoro resti solido nel 2018.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below