February 1, 2018 / 8:20 AM / 7 months ago

Btp, saldo, spread a minimi da dicembre, calo Bund acuito da Fed

MILANO (Reuters) - MILANO, 1 febbraio (Reuters) - Il secondario italiano appare relativamente stabile, mentre il Bund, già appesantito dai dati sull’inflazione della zona euro di ieri, accusa il colpo delle parole della Fed. Il differenziale Italia-Germania sul tratto decennale si porta quindi a 135 punti base, nuovo minimo da metà dicembre.

Traders a lavoro. REUTERS/Brendan McDermid

** “Le periferie stringono rispetto al Bund, nonostante le aste spagnole non siano state eccezionali. Il sell-off del Bund, già avviato sulla scia dei dati sull’inflazione pubblicati ieri, è stato esacerbato dalle parole della Fed, che hanno spinto al ribasso i Treasuries” dice un trader italiano.

** I dati sull’inflazione della zona euro pubblicati ieri mostrano una stima flash all’1,3% su anno rispetto all’1,4% di dicembre. Un rallentamento quindi che conferma quanto emerso dalle parole del presidente della Bce, Mario Draghi, sull’allontanamento del target di un indice dei prezzi al consumo al 2%. Benoit Coeuré, membro del direttivo della Bce, ha fatto ieri eco a Draghi in materia di Qe, ribadendo che Francoforte non agirà con avventatezza. Il preliminare tedesco pubblicato martedì aveva evidenziato prezzi armonizzati Ue in rialzo a gennaio dell’1,4% su anno e in calo dell’1% su mese.

** Ieri sera è arrivato il verdetto del comitato di politica monetaria di Federal Reserve, l’ultimo dell’era Janet Yellen che, come atteso, ha lasciato i tassi invariati a 1,25-1,50%. L’istituto centrale Usa ha sottolineato un probabile prosieguo dell’innalzamento dell’inflazione nel corso dell’anno, quindi durante il mandato del nuovo governatore Jerome Powell. Citando un rialzo dell’occupazione, delle spese dei consumatori e degli investimenti, la Fed ha detto di aspettarsi un’economia ancora in espansione e che il mercato del lavoro resti solido nel 2018.

** “L’attesa del voto italiano pesa sullo spread dell’Italia con il Portogallo e la Spagna. Il mercato sembra invece deciso a ignorare del tutto la questione catalana” dice ancora il trader. Il differenziale Italia-Spagna si nuove in area 61 punti base. Lo scorso 11 dicembre, dopo l’esplosione della questione catalana in seguito al referendum di ottobre, il differenziale si attestava a 26 punti base. Ieri si è invece spinto a 64 punti base, il massimo dallo scorso agosto.

** Sul primario si sono stamane attivate Francia e Spagna. Parigi ha collocato 8,9 miliardi di euro su tre Oat, fra cui il decennale benchmark, il cui rendimento sul secondario è brevemente salito sopra l’1% per la prima volta da marzo, a 1,003%. Relativamente deboli le aste spagnole, con l’assegnazione di 3,295 miliardi su tre titoli nominali, sulla parte bassa della forchetta d’offerta.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below