January 19, 2018 / 11:57 AM / 7 months ago

Borsa Milano chiude positiva, bene Atlantia, Generali e lusso, vendite su Geox

MILANO (Reuters) - Piazza Affari termina in rialzo una seduta senza grandi scossoni, ma con l’intonazione di fondo che resta positiva: “Non ci sono notizie negative all’orizzonte e anche il tema dell’ingovernabilità che potrebbe derivare dalle elezioni italiane viene equiparata allo stallo che c’è in Germania”, osserva un trader.

Borsa Milano sui massimi di seduta, energetici deboli, in rialzo Atlantia. REUTERS/Alessandro Garofalo

L’indice FTSE Mib avanza dello 0,5%, l’AllShare guadagna lo 0,6%. Volumi pe un controvalore di 2,92 miliardi di euro. L’indice paneuropeo STOXX 600 segna +0,5%.

** ATLANTIA (+2,18%) è tra i titoli migliori del listino.

** Bene anche POSTE in rialzo del 2,2% in un contesto europeo del settore positivo con Deutsche Post che guadagna l’1,5%. Ieri sera, nella presentazione dell’accordo con Anima e Cdp, la società ha spiegato di vedere un significativo capital gain nel 2018 grazie alla partnership con Anima e di avere un target 2018 per le commissioni da vendita di prodotti di risparmio postale di 1,8 miliardi di euro o superiore.

** Ben raccolta anche GENERALI che balza del 2,34% dopo la rottura grafica di quota 16 euro. “Il titolo viene da un periodo di sotto performance rispetto agli altri competitor”, dice un broker.

** Forti vendite su GEOX (-5,96%) dopo aver annunciato ricavi in lieve calo nel 2017 e l’inattesa uscita dell’AD Gregorio Borgo, che sarà sostituito da febbraio da Matteo Mascazzini, Coo di Gucci America.

** Tonici i titoli del lusso, con FERRAGAMO che sale del 3,83%, LUXOTTICA del 2%, MONCLER dello 0,6%.

** Sempre ben raccolta anche FIAT CHRYSLER che avanza del 2,04%. Exane Bnp Paribas ha migliorato il giudizio a ‘neutral’ da ‘underperform’.

** Negativo il comparto energetico. Lo stoxx europeo di settore cede lo 0,77% sulla scia del ritracciamento dei prezzi del greggio. ENI lascia sul terreno lo 0,8%, mentre SAIPEM lo 0,99%.

** Bancari deboli con le big UNICREDIT e INTESA SP in calo rispettivamente dello 0,63% e dello 0,19%. Vendite copiose su Creval (-6%), in vista dell’aumento di capitale da 700 milioni che dovrebbe partire il 19 febbraio, secondo quanto riferito da due fonti. Dal giorno dell’annuncio dell’aumento di capitale, lo scorso 7 novembre, il titolo ha perso il 67%.

** Negativa MEDIASET che cede l’1,29% sullo stallo nel contenzioso con Vivendi.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below