January 3, 2018 / 12:00 PM / 7 months ago

Greggio stabile vicino ai massimi 2015

SINGAPORE/LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio sono sostanzialmente invariati, intorno ai massimi di metà 2015 raggiunti ieri, con la forte produzione di Stati Uniti e Russia bilanciata dai disordini — ormai giunti al sesto giorno — in Iran.

** Intorno alle 12,05 il futures Brent avanza di 16 centesimi a 66,73 dollari al barile. Il West Texas Intermediate (WTI) sale di 15 cent a 60,52 dollari al barile.

** Ole Hansen, responsabile delle strategie per le materie prime della danese Saxo Bank, spiega che “diversi ma temporanei stop alla produzione, come i problemi alla North Sea Forties e un oleodotto libico e le proteste in Iran... hanno contribuito a creare una scommessa speculativa record”.

** Hansen aggiunge che con la risoluzione dei problemi degli oleodotti e con le proteste in Iran che non mostrano impatti sulla produzione petrolifera, c’è la possibilità di un’inversione di tendenza a inizio 2018, soprattutto a causa dell’aumentare della produzione Usa.

** Tuttavia, David Madden, analista di CMC Markets, ritiene che le preoccupazioni per le proteste in Iran manterranno i prezzi stabili e dovrebbero evitare un’ondata di vendite perché gli operatori terranno in considerazione il rischio potenziale.

** Le forniture di greggio restano abbondanti. La produzione Usa C-OUT-T-EIA è aumentata di quasi il 16% da metà 2016, raggiungendo 9,75 milioni barili al giorno alla fine dello scorso anno.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below