January 2, 2018 / 10:38 AM / in 4 months

Borse Europa iniziano l'anno in calo su auto, settore minerario

di Helen Reid

L'insegna del London Stock Exchange Group, la borsa di Londra. Foto del 29 dicembre 2017. REUTERS/Toby Melville

LONDRA (Reuters) - Borse europee in calo oggi, prima seduta dell’anno, mentre il buon andamento dei titoli petroliferi non basta a bilanciare la performance negativa del comparto auto e di quello delle materie prime.

** Alle 11.15 ora italiana circa l’indice europeo di borsa STOXX 600 perde lo 0,5%, mentre quello della zona euro cala dello 0,7%.

Francoforte perde quasi l’1%, Parigi lo 0,85%, Londra lo 0,35%, Madrid lo 0,12%.

** Il comparto auto perde oltre il 2%, per ora il calo maggiore da luglio 2017, a causa delle scarse immatricolazioni registrate. In Francia le nuove vendite di auto a dicembre sono calate dello 0,51%, e la percentuale di nuovi diesel è scesa sotto il 50% per la prima volta dal 2000.

Un trader cita anche quanto scritto dal quotidiano britannico Daily Telegraph secondo cui le previsioni sulle immatricolazioni nel Regno Unito, attese per venerdì, danno un calo del 5% nella vendita di auto nuove.

In calo, tra il 2% e oltre il 3%, Fiat Chrysler, BMW, Peugeot, Renault e Volkswagen.

** Perde terreno anche il comparto dell’industria estrattiva, con l’indice di settore che segna -1,05%. Alla fine della settimana scorsa il settore ha toccato i massimi da cinque anni grazie all’aumento dei prezzi del rame e di altri metalli, ma il calo di oggi suggerisce che gli investitori stiano prendendo profitto.

** Il petrolio segna l’avvio delle contrattazioni annuali più forte dal 2014, e ne risentono i titoli collegati, come Statoil e Total.

** Tra i titoli da segnalare, Lufthansa perde il 3,8% (ma in precedenza è arrivato a perdere il 6,3%) dopo che IAG si è accordato per acquistare la linea aerea austriaca Niki. La compagnia tedesca era stata costretta a rinunciare all’acquiso a metà dicembre per la possibile violazione delle norme sulla concorrenza.

** La catena di arredamento sudafricana Steinhoff, quotata a Berlino, è arrivata a segnare +12% nelle prime contrattazioni (per poi assestarsi intorno a +4%) nonostante abbia annunciato che i risultati del 2015 debbano essere riformulati, mentre prosegue la verifica interna sulle irregolarità contabili.

** Il produttore di turbine eoliche Vestas Wind cresce del 2,5% grazie al giudizio “buy” da parte di Sydbank, dopo che la società si è assicurata diversi nuovi ordini di acquisto.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below