December 19, 2017 / 8:20 AM / in 4 months

Btp in calo, spread risale a 150 su riforma fiscale Usa, funding Germania

MILANO (Reuters) - Btp in calo dopo una prima parte della mattinata in modesto rialzo, nonostante il Tesoro abbia proceduto al riacquisto di 3,225 miliardi di titoli di Stato.

Traders a lavoro. REUTERS/Brendan McDermid

** I titoli coinvolti sono stati cinque, Btp, Ccteu e Ctz con scadenze entro giugno 2020; il ministero dell’Economia ha ricevuto dagli specialist offerte per oltre 10 miliardi.

** “È stato un importo discreto, in linea con le aspettative e con gli obiettivi del Tesoro di riduzione delle disponibilità liquide a fine anno” spiega un operatore. Ieri la strategist di Intesa Sanpaolo Chiara Manenti ipotizzava una cifra “nell’ordine dei 3 miliardi”.

** Sommando i quattro buyback condotti da Via XX Settembre da un mese a questa parte, la cifra ritirata ammonta a quasi 10 miliardi; a fine ottobre (ultimo dato Bankitalia disponibile) la massa dei titoli di Stato in circolazione ammontava a circa 1.935 miliardi, di cui 1.820 a medio lungo termine.

** Lo spread Btp/Bund è salito a metà seduta fino a 151 punti base, prossimo a quota 152 registrata venerdì, il livello più alto da fine ottobre.

** I tassi vengono spinti verso l’alto dal movimento dei rendimenti Usa, sostenuti dall’attesa dell’approvazione della riforma fiscale voluta dal presidente Trump, che tra oggi e domani dovrebbe ricevere l’ok della Camera e del Senato.

** A pesare sul mercato — che vede peraltro un progressivo assottigliamento dei volumi — è anche l’annuncio del piano di rifinanziamento 2018 del Tesoro tedesco che prevede un aumento delle emissioni rispetto al 2017.

** “In particolare pesa che ci saranno più emissioni di trentennali, 5 miliardi in più rispetto a quest’anno” spiega un trader da Milano. “Questo porta debolezza su tutta la parte lunga, con l’Italia che ha seguito”.

** Resta caldo anche il fronte politico, a partire dall’appuntamento con le elezioni catalane di giovedì. “Sono convinto che il mercato non sconti tutti i rischi sulla situazione spagnola, credo che l’anno prossimo si vedranno gli effetti economici delle tensioni degli ultimi mesi” conclude il trader.

** In Italia, ieri il candidato premier del M5s Luigi Di Maio ha affermato che in un eventuale referendum sull’euro voterebbe per l’uscita, ma intanto secondo La Stampa starebbe valutando la possibilità di una trattativa post voto con Pd e sinistra, con la condizione però di un’uscita di scena di Renzi.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below