December 12, 2017 / 7:08 PM / 7 months ago

Atlantia pronta a battaglia legale per rimanere in gara su Abertis

LONDRA/MILANO (Reuters) - Atlantia teme di essere tagliata fuori dalla corsa per Abertis e sta preparando azioni legali per rimanere in gara, ha detto a Reuters una fonte vicina ai negoziati.

Logo Abertis dietro bandiera della Catalogna con adesivo a sostegno referendum separatista. REUTERS/Eric Gaillard

Due ministri spagnoli la scorsa settimana hanno chiesto all’autorità di Borsa spagnola di ritirare il via libera all’offerta di Atlantia, autorizzata in ottobre dai regolatori spagnoli e europei dopo un vaglio di cinque mesi.

Se Atlantia riuscirà a prevalere sull’offerta concorrente di Acs, l’operazione creerà il maggior operatore autostradale al mondo con una capitalizzazione di Borsa ai prezzi attuali vicina ai 40 miliardi di euro. Le probabilità di una vittoria italiana si stanno riducendo per una certa ostilità politica a Madrid. Questo sta spingendo Atlantia a rivolgersi a un tribunale per contrastare una eventuale decisione sfavorevole da parte di CNMV.

La fonte dice che Atlantia resta concentrata in pieno sull’obiettivo di ottenere il controllo di Abertis a prescindere dall’opposizione del ministro dei lavori pubblici Inigo de la Serna e di quello dell’Energia Alvaro Nadal. “Questi ministri hanno mostrato scontento ma il resto del governo è neutrale”, ha detto. “E’ una operazione finanziaria e solo il mercato deciderà”.

Un portavoce di Atlantia ha dichiarato che “la posizione di Atlantia è stata espressa nel comunicato stampa del 7 dicembre, che riflette la nostra convinzione che il problema oggetto di discussione possa essere risolto costruttivamente attraverso il coinvolgimento di tutte le autorità spagnole competenti”.Il ministero delle infrastrutture spagnolo ha comunicato al regolatore il 7 dicembre che non avrebbe dovuto autorizzare l’offerta su Atlantia senza il permesso governativo di prendere il controllo del business dei satelliti di Abertis gestito dalla controllata Hispasat. CNMV dovrebbe decidere entro il 7 gennaio. Una eventuale decisione sfavorevole potrebbe rendere vano il progetto di Atlantia di rialzare la sua offerta da 15,6 miliardi per battere la contro-proposta di Hochtief-Acs da circa 17 miliardi.

Se CNMV applicasse regole differenti all’offerta di Hochtief e richiedesse soltanto ad Atlantia di ottenere il permesso governativo per fare l’offerta su Abertis, il gruppo italiano chiamerebbe in causa la Commissione europea lamentando una potenziale discriminazione. Il gruppo italiano ha già negoziato un finanziamento con un pool di banche che include Credit Suisse, Mediobanca, Santander, UniCredit e Intesa, ha detto la fonte aggiungendo che le condizioni di finanziamento saranno le stesse fino alla chiusura dell’operazione.

OFFERTA ALL CASH? Atlantia sta anche considerando un’offerta tutta in contanti, hanno riferito due fonti, aggiungendo che si tratta dell’opzione più facile e che le banche sono disponibili a prestare altro denaro.

Il periodo di accettazione per Hochtief e Atlantia può partire solo quando entrambe le offerte sono state approvate dai regolatori.

Reuters ha scritto il 6 dicembre che Atlantia probabilmente aspetterà per avanzare la sua proposta definitiva fino agli ultimi cinque giorni del periodo di adesione alle proposte, che inizierà immediatamente dopo la revisione delle autorità e durerà 30 giorni.

In quel momento l’authority spagnola chiederà ad Atlantia e Hochtief di avanzare le loro offerte finali in buste sigillate. Le proposte saranno presentate al cda Abertis per una decisone finale.

Ma entrambe le parti potrebbero dover affrontare altri ritardi per la decisione che CNMV dovrà prendere su Atlantia. Secondo la legge spagnola i due ministeri che hanno sollevato timori sull’opa di Atlantia potrebbero sempre appellarsi contro una decisione che spiani la strada agli italiani, riferisce la fonte.

Ogni appello da entrambe le parti causerebbe quindi significativi ritardi a un’operazione a cui si lavora da nove mesi obbligando i contendenti a versare laute commissioni e a pagare un piccolo esercito di banchieri e avvocati.

DLA Piper agisce come principale adviser legale di Atlantia mnetre Credit Suisse, Mediobanca e Santander sono adviser finanziari.

(Pamela Barbaglia e Ben Martin, hanno collaborato Paola Arosio and Andres Gonzalez)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below