27 novembre 2017 / 08:40 / 20 giorni fa

Borsa Milano chiude debole con banche e oil, giù Mediaset

MILANO (Reuters) - Dopo una sortita al rialzo a metà seduta, Piazza Affari peggiora progressivamente e chiude in netto calo zavorrata da bancari e titoli oil.

L'ingresso di Borsa Italiana a Milano. Foto del 10 dicembre 2012. REUTERS/Stefano Rellandini

L‘indice FTSE Mib ha chiuso in calo dell‘1,07%, mentre l‘Allshare ha perso 0,97%. Deboli ma di poco migliori gli altri mercati europei: Francoforte -0,46%, Londra -0,35% e Parigi -0,56%. Volumi per 2,1 miliardi di euro.

I bancari virano in positivo a metà seduta sulle ipotesi di modifiche più favorevoli alla vendita degli Npl. Prevalgono poi le prese di beneficio. L‘indice di settore ha chiuso in calo di 1,25%. Ribassi consistenti per BANCO BPM (-2,76%), BPER BANCA (-3,29%), INTESA SANPAOLO (-1,85%).

Nuova seduta positiva per azioni e diritti di BANCA CARIGE: i titoli hanno ceduto il 2,83%, mentre i diritti il 61,05% restando ancorati alla parità.

MEDIASET chiude in calo di 1,62% dopo che il Cfo Marco Giordani ha raffreddato, in un‘intervista a Reuters, le voci di un accordo imminente con Vivendi.

Deboli i titoli del settore oil: ENI ha ceduto 0,94%, SAIPEM il 2,22%.

LANDI RENZO balza del 6,10% dopo aver annunciato l‘aggregazione tra la controllata Safe e Clean Energy Compression.

ASTALDI maglia nera del listino con un calo del 7,23%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below