November 24, 2017 / 9:33 AM / 10 months ago

Euro ai massimi da 6 settimane su dollaro, ottimismo su outlook crescita

LONDRA (Reuters) - L’euro viaggia sui massimi da sei settimane sul dollaro, che invece arretra ai minimi da cinque settimane nei confronti delle principali controparti, mentre sul fronte macro continuano ad arrivare segnali di un consolidamento della ripresa in Europa.

Una banconota da 10 dollari Usa e una da 10 euro. Illustrazione del 22 giugno 2017. REUTERS/Thomas White/Illustration

** L’indice Ifo sulla fiducia delle imprese tedesche è salito oltre le attese a novembre, aggiungendosi alla serie di dati confortanti giunti negli ultimi giorni. Ieri le indagini congiunturali sull’attività del settore privato nella zona euro hanno evidenziato la crescita migliore dal 2011.

** La solidità dei dati potrebbe indurre la Banca centrale europea a modificare il proprio messaggio di politica monetaria nei prossimi mesi.

** Secondo quanto emerso dai resoconti dell’ultima riunione, già a fine ottobre una parte del consiglio riteneva opportuno dare un termine preciso per la fine del quantitative easing, la cui prosecuzione è stata confermata a tempo indeterminato.

** Intorno alle 10,15 la valuta unica passa di mano a 1,1867 dollari da 1,1850 dollari, dopo aver segnato un picco a 1,1875 dollari. L’euro guadagna terreno anche sulla controparte giapponese, salendo a 132,22 yen da 131,78 della precedente chiusura.

** A supporto dell’euro gioca la possibilità che in Germania possa trovare uno sbocco positivo la crisi politica apertasi con il nulla di fatto dei negoziati per un’alleanza di governo tra Conservatori, Liberali e Verdi.

** Inizialmente tenutisi fuori dalla partita, i socialdemocratici tedeschi, per bocca del segretario generale Hubertus Heil, si sono dichiarati pronti ad affrontare una serie di colloqui con altri partiti.

** Heil non ha però detto con quali partiti si confronterà la sua formazione né se questa sia interessata a partecipare a una coalizione di governo o a fornire sostegno parlamentare a un eventuale governo di minoranza guidato dalla cancelliera Angela Merkel.

** In una seduta che sarà caratterizzata da un livello di attività inferiore alla media per la chiusura anticipata della piazza Usa dopo la pausa del Giorno del Ringraziamento, il dollaro resta sulla difensiva, colpito dalle preoccupazioni di diversi partecipanti all’ultimo meeting Fed rispetto al debole andamento dell’inflazione, che potrebbe limitare il numero di strette sul costo del denaro il prossimo anno.

** L’indice del dollaro, che traccia l’andamento della valuta Usa nei confronti delle sei princioali controparti valutarie, cede lo 0,2% a 93,054 dopo essere scivolato fino a 93,018

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below