November 3, 2017 / 2:53 PM / a year ago

Piaggio Aero, le condizioni di Roma per evitare passaggio know-how a Cina

ROMA/MILANO (Reuters) - Piaggio Aerospace dovrà assicurare la totale separazione tra il ramo jet privati che intende vendere a un consorzio cinese e il business militare, nonché reinvestire i proventi della vendita soprattutto nel programma del drone P2HH.

Sono due punti contenuti nel decreto del Presidente del Consiglio, adottato su proposta della ministra della Difesa Roberta Pinotti, dopo che Mubadala, il fondo sovrano di Abu Dhabi proprietario del gruppo italiano, ha notificato all’esecutivo il progetto di vendita del ramo di azienda che produce il jet executive P180 nell’ambito delle procedure previste per il golden power nel settore difesa.

Il governo ha esercitato il golden power sul gruppo italiano il 19 ottobre ma senza diffondere dettagli.

Roma teme che l’operazione di vendita trasferisca tecnologia a società governative extra Ue e porti a un eccessivo dimagrimento dell’azienda con sede in Liguria, hanno riferito fonti politiche.

Ad acquisire il ramo d’azienda sarebbe infatti PAC-Investments, società con sede in Lussemburgo supportata da investitori cinesi sia privati che governativi, si legge nel documento.

Il decreto prevede che Piaggio Aerospace e Mubadala adottino “misure di tutela e di protezione, attive e passive, concernenti ogni elemento, di natura materiale o immateriale, con particolare riguardo ai diritti di proprietà industriale, al know-how, alle informazioni riservate, relativi ai programmi militari”, come quelli dei droni P1HH e P2HH e del velivolo multiruolo MPA.

PAC e la NewCo derivante dalla cessione, che dovrà avere sede in Italia, non potranno impiegare personale che in Piaggio Aerospace si sia occupato dei programmi militari.

Il decreto prevede, inoltre, da parte di Piaggio Aerospace il “reinvestimento diretto” dei proventi della vendita “con particolare riguardo alle attività di sviluppo e produzione del P2HH”, e continuità nella fornitura di servizi e manutenzione per i P180 in dotazione a forze armate e pubblica amministrazione.

Nel consiglio di amministrazione di Piaggio Aerospace dovrà essere garantita la presenza, “ai fini della tutela degli interessi essenziali della difesa e della sicurezza nazionale”, di un cittadino italiano, munito di nulla osta di sicurezza (Nos) e che abbia l’assenso del governo, a cui sarà delegata l’organizzazione della sicurezza.

Piaggio Aerospace dovrà inviare ogni sei mesi una relazione alla Presidenza del Consiglio, presso cui viene istituito un Comitato di monitoraggio composto da un rappresentante della presidenza, uno dei servizi, due del ministero della Difesa e uno del ministero dello Sviluppo economico.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below