October 25, 2017 / 4:29 PM / a year ago

Banche, Barbagallo: Commissione Ue su vigilanza non in giusta direzione per ruolo Eba

PISA (Reuters) - La Banca d’Italia ha espresso critiche oggi alla proposta della Commissione europea per la revisione del sistema di vigilanza sulle banche e auspica che si assegnino a Eba compiti di regolamentazione e non di maggiore supervisione.

Lo ha detto il responsabile della Vigilanza della Banca d’Italia Carmelo Barbagallo, intervenuto a Pisa a un convegno della Fondazione Ugo La Malfa sul tema della regolamentazione bancaria.

“Lo scorso 20 settembre la Commissione europea ha presentato una proposta di revisione del Sistema europeo di vigilanza finanziaria (...) è bene affermare fin d’ora che la proposta non sembra andare nella giusta direzione, di una più chiara separazione tra funzioni di regolamentazione assegnate all’Eba e quelle di supervisione attribuite al meccanismo unico e alle altre autorità nazionali competenti”, si legge nell’intervento di Barbagallo.

“La proposta della commissione accresce notevolmente i poteri di supervisione dell’Eba e ne limita il ruolo nell’armonizzazione della regolamentazione bancaria. Sarebbe invece auspicabile esattamente il contrario”, aggiunge.

Barbagallo fa anche un riferimento, anche se non esplicito, all’addendum con cui la vigilanza di Francoforte ha proposto di introdurre dei nuovi criteri per rettificare i nuovi crediti deteriorati delle banche, con un documento che ha suscitato aspre critiche in Italia sia dal settore bancario sia da quello industriale, nel timore che possa frenare il credito.

“Sarebbe opportuno chiarire i limiti dei poteri del meccanismo di supervisione unico di emanare documenti che assumono, di fatto, il rango di normativa secondaria”, dice Barbagallo.

Il capo della vigilanza di Bankitalia osserva anche che la sovrapposizione nei compiti di supervisione tra diverse autorità, citando Eba, Ssm e vigilanza nazionale, “crea rilevanti problemi di coordinamento, ad esempio nell’ambito degli stress test”.

Anche nella gestione delle crisi bancarie, che in Italia ha riguardato casi importanti come le banche venete o il Monte dei Paschi di Siena, secondo Barbagallo è “necessaria una migliore azione di coordinamento dei molteplici attori istituzionali che condividono le competenze”, aggiunge citando autorità nazionali di risoluzione, SRB, Commissione.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below