October 18, 2017 / 12:05 PM / 10 months ago

Wind Tre, parte roadshow bond per 7,3 miliardi euro in 5 tranche

MILANO/LONDRA (Reuters) - Sarà da cinque tranche, in euro e dollari, a tasso fisso e variabile, l’emissione obbligazionaria da 7,3 miliardi di euro complessivi annunciata questa mattina da Wind Tre, nell’ambito di una più ampia operazione di rifinanziamento del debito societario.

Lo riporta il servizio Ifr di Thomson Reuters.

Si tratta della maggiore emissione ‘high yield’ in Europa dal 2014.

Nel dettaglio, le cinque tranche saranno tutte di importo benchmark: tre a tasso fisso di cui due in euro a 5 e 7 anni e una in dollari a 8 anni; due tranche saranno invece a tasso variabile, una in euro a 6 anni, l’altra in dollari a 5 anni. Tutte cinque le scadenze hanno una call.

Ifr aggiunge che il gruppo telefonico italiano — controllato da Veon (ex Vimpelcom) e dalla cinese CK Hutchison — sarà impegnato in un roadshow presso investitori per presentare l’intera operazione: da oggi a venerdì in Europa e da lunedì a mercoledì prossimo negli Usa.

Global coordinator dell’operazione sono Deutsche Bank, BofA Merrill Lynch e Hsbc, insieme ai joint book runner Banca Imi, Barclays, Bnp Paribas, Citi, Credit Agricole, Credit Suisse, Goldman Sachs, Ing, JP Morgan, Mediobanca, Mizuho, Mufg, Natixis, Nomura, Smbc, SocGen e UniCredit.

RIFINANZIAMENTO

Il ricavato dell’offerta, spiega una nota della società, sarà utilizzato insieme ai 3,4 miliardi di euro derivanti da un nuovo contratto di finanziamento, per rimborsare l’indebitamento finanziario e i finanziamenti infra-gruppo erogati da parte della controllata Wind Acquisition Finance (Waf), consentendo a quest’ultima di rimborsare tutti i titoli senior e senior secured da essa emessi.

Nella nota si legge che Waf ha quindi annunciato una contestuale offerta di riacquisto su quattro bond propri in circolazione. L’offerta sarà in contanti e si chiuderà il prossimo 15 novembre.

Nel dettaglio, l’offerta di buyback è sui seguenti bond: 2019 tasso variabile (da 150 milioni di euro), 2020 cedola 6,5% (da 550 milioni di dollari), 2021 cedola 7,375% (da 2,8 miliardi di dollari) e 2021 cedola 7% (da 1,75 miliardi di euro). I prezzi di riacquisto sono rispettivamente di 100,115, 103,402, 103,860 e 103,663 qualora l’adesione all’offerta avvenga entro il 31 ottobre; dopo tale data i prezzi di riacquisto vengono ridotti ciascuno di 3 centesimi.

DEBITO

“L’operazione di rifinanziamento è mirata ad ottenere un significativo miglioramento della struttura del capitale della società riducendo i costi relativi agli interessi ed estendendo le scadenze” dice la nota del gruppo.

Come osserva un banchiere coinvolto, con il rimborso dei bond Waf, l’intera operazione permetterà al gruppo telefonico di avere una struttura di debito “più semplice, a un unico piano e con un unico rating, rispetto a quella attuale a due piani con rating diversi”.

Per Moody’s Wind Tre ha attualmente rating B1 mentre Waf B3 (entrambi con outlook positivo); per S&P entrambe hanno rating BB- (con outlook stabile).

Al 30 giugno scorso, la struttura di debito di Wind Tre comprendeva bond per oltre 10 miliardi di euro complessivi (sia in euro sia in dollari), su varie scadenze tra il 2019 e il 2021; tra le altre poste più significative c’è un ‘term loan’ bancario da 690 milioni e prestiti dagli azionisti per 1,74 miliardi.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below