6 ottobre 2017 / 08:32 / 2 mesi fa

Dollaro forte in attesa payroll Usa, a massimi 7 settimane su euro

LONDRA (Reuters) - Il dollaro appare ben intonato, vicino a chiudere la quarta settimana consecutiva di apprezzamento rispetto al paniere delle principali divise internazionali, in un mercato che riduce le posizioni corte sul biglietto verde di pari passo col rafforzamento delle aspettative sulla Fed.

Una banconota da 10 dollari e una da 1000 yen. Illustrazione del 22 giugno 2017. REUTERS/Thomas White/Illustration

** In attesa dei dati di oggi pomeriggio sul mercato del lavoro Usa, una serie di elementi concorre a supportare il quadro di una Fed più restrittiva: la congiuntura positiva, i segnali di avanzamento della riforma fiscale dell‘amministrazione Trump nonché la previsione di un successore dell‘attuale governatore Janet Yellen che verrà scelto tra le fila dei falchi.

** “Alcune delle posizioni più corte sono in via di riduzione in quanto i mercati si stanno convincendo che l‘obbligazionario non riflette la possibilità che la Fed possa alzare i tassi più di quanto viene attualmente scontato” spiega lo strategist di Commerzbank Thu Lan Nguyen.

** A metà mattinata l‘euro/dollaro tratta appena sopra il minimo intraday di 1,1686, il livello più basso da sette settimane.

** Se da una parte c‘è la forza relativa del dollaro, dall‘altra l‘euro sconta le tensioni in Spagna. Le ultime notizie dicono che il parlamento catalano si riunirà comunque lunedì, sfidando il divieto della Corte Costituzionale spagnola che ha bloccato la seduta in cui dovrebbe essere dichiarata unilateralmente l‘indipendenza da Madrid.

** Il dollaro/yen risale stamane in area 113, non lontano dai massimi da luglio visti la settimana scorsa.

** Per il dato del pomeriggio sui ‘payroll’, le attese sono per un incremento dei posti di lavoro non agricoli di 90.000 unità, meno dei 156.000 di agosto anche a causa delle conseguenze degli uragani Harvey e Irma. Previsto stabile al 4,4% il tasso di disoccupazione.

** Intanto la sterlina viaggia sui minimi da un mese sul dollaro, in area 1,3060. Pesano i rinnovati timori di ‘hard Brexit’ e la minaccia di una manovra all‘interno del partito Conservatore per arrivare alle dimissione del premier Theresa May.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below