August 1, 2017 / 8:32 AM / a year ago

Zona euro, Pmi manifattura finale luglio 56,6 da 56,8 stima flash

LONDRA (Reuters) - Il settore manifatturiero della zona euro ha iniziato il secondo semestre con una buona crescita, anche se leggermente più debole delle stime iniziali.

La lettura finale del Pmi manifatturiero, a cura di IHS Markit, è scesa a 56,6 a luglio dal massimo di sei anni raggiunto a giugno a 57,4, leggermente sotto la stima flash di 56,8.

Tutte le letture superiori a 50 indicano un’espansione del comparto.

Il sottoindice relativo alla produzione è sceso a 56,5 da 58,7, il livello più alto da aprile 2011.

“Le industrie della zona euro hanno registrato di nuovo un’attività vivace a luglio”, spiega Chris Williamson, economista di Ihs Markit. “Il Pmi è risultato leggermente più basso rispetto alla stima flash, scendendo ai minimi di quattro mesi, ma resta tuttavia un dato incoraggiante”.

Anche i dati sui nuovi ordini e sulle assunzioni si sono mostrati tonici, suggerendo che ad agosto si potrebbe vedere la prosecuzione di questo buon andamento. La crescita c’è stata nonostante l’incremento dei prezzi alla produzione per il decimo mese consecutivo.

Il sottoindice dei prezzi alla produzione è stato infatti pari a 53,7 dal 54,3 di giugno, ma sempre sopra la soglia di 50.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below