July 28, 2017 / 8:24 AM / in 7 months

Dollaro ancora debole ma tiene sopra minimi in attesa dati Pil Usa

LONDRA (Reuters) - Torna a prevalere la debolezza sul dollaro dopo il parziale recupero della seduta di ieri, seguito al forte movimento di deprezzamento in scia alla conclusione del meeting Fed.

** A metà mattinata l‘euro/dollaro risale in area 1,17 dopo essere arretrato a inizio seduta fino a 1,1672, circa una figura sotto il massimo da due anni e mezzo di 1,1777 toccato nel post Fed.

** Il dollaro/yen galleggia a sua volta poco sopra quota 111, non lontano del minimo da sei settimane registrato nei giorni scorsi a 110,63.

** Il ‘market mover’ di giornata sarà decisamente il dato del pomeriggio sul Pil Usa del secondo trimestre, stimato in crescita del 2,6% annualizzato dopo l‘1,4% della prima frazione dell‘anno. Gli operatori cercano supporto alla previsione di un nuovo rialzo dei tassi Usa entro fine 2017; ma il dato potrebbe anche portare ulteriori dubbi, soprattutto di fronte a una Fed che anche nel meeting di questa settimana, pur confermando un giudizio positivo sulla crescita, ha reiterato un atteggiamento cauto sull‘inflazione.

** “Il dollaro potrebbe ritrovare qualche acquisto se i dati si riveleranno forti. Detto ciò è improbabile che si ritorni ai giorni in cui il dollaro era l‘unico a salire, in quanto le altre banche centrali si stanno accodando alla Fed nel tentativo di normalizzare le loro politiche monetarie” commenta lo strategist di Daiwa Securities Yukio Ishizuki.

** Tra i dati della giornata, sul fronte euro, un impatto potrebbe averlo il preliminare sull‘inflazione tedesca di luglio, attesa in calo all‘1,4% armonizzato dall‘1,5% del mese precedente; stamane la stima flash dell‘inflazione francese ha confermato un dato dello 0,8%, come a giugno, in linea con le attese.

** Si conferma estremamente debole il franco svizzero, in calo sia su dollaro (con la flessione settimanale più ampia da oltre 22 mesi), sia su euro. Il cambio euro/franco, in apprezzamento oggi di un altro mezzo punto percentuale, si è portato fino a 1,1362, a nuovi massimi da due anni e mezzo, cioè dalla rimozione nel 2015 del limite ufficiali di deprezzamento.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below