27 luglio 2017 / 12:13 / 3 mesi fa

Fca, risultati in linea con attese, Marchionne lavorerà a piano al 2022

MILANO (Reuters) - Fiat Chrysler (Fca) ha chiuso il secondo trimestre con risultato operativo in linea, ma debito leggermente sopra le attese del mercato e conferma le previsioni sull‘anno.

L'amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles Sergio Marchionne a Detroit il 9 gennaio 2017. REUTERS/Rebecca Cook

L‘AD, Sergio Marchionne, nella conference call con gli analisti ha detto che, dopo l‘approvazione del bilancio 2018, non avrà più nessun ruolo operativo all‘interno di Fca, anche se si occuperà di elaborare il pano al 2022.

Rimarrà “probabilmente” nel cda Exor, “ma questo non significa nulla” (in termini di gestione Fca).

Per il successore dell‘AD non ci sono problemi, perchè nel gruppo ci sono “diversi capaci candidati”.

In materia di operazione straordinarie l‘AD esclude cessioni da qui a fine anno e, rispondendo a un analista che sottolinea che a breve l‘insieme i marchi Alfa Romeo e Maserati, se uniti in un‘unica società, avrebbero tutte le caratteristiche per stare da soli, sottolinea che “non ci sono restrizioni di tipo tecnico per un eventuale separazione di Maserati-Alfa Romeo dal gruppo, ma questo non significa nulla, non significa che la separazione verrà realizzata”.

Ha poi parlato della possibile vendita della componentistica, cioè di Magneti Marelli, senza dare indicazioni sui tempi.

I ricavi netti di gruppo del trimestre si attestano a 27,9 miliardi, in calo dell‘1% su anno, l‘Ebit adjusted sale del 15% a 1,867 miliardi, l‘utile netto adjusted del 52% a 1,080 miliardi.

Il debito netto si attesta a 4,2 miliardi, in calo di 900 milioni da fine marzo, la liquidità disponibile a 20 miliardi, in diminuzione di 1,4 miliardi.

I margini di gruppo toccano livelli record, in aumento di 90 punti al 6,7%: Maserati raddoppia dal 6,2% al 14,2%; l‘area Nafta aumenta di 50 punti, al record di 8,4%.

Le azioni arrivano a perdere l‘1% e poi recuperano dai minimi. Alle 16,50 perdono lo 0,2% a 10,14 euro con scambi per 12,3 milioni di pezzi, da una media giornaliera di 11,3 milioni.

Secondo un sondaggio Reuters, i ricavi erano attesi a 28,9 miliardi di euro (14 previsioni, range: 27,82-29,84), Ebit adjusted a 1,8 miliardi euro (6 previsioni, range 1,74-1,95), utile per azione 53 cents (8 previsioni, range 40-59), utile netto 841 milioni (12 previsioni, range 759-920), debito netto industriale 3,9 miliardi (7 previsioni range 3,65-4,07).

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below