26 luglio 2017 / 15:31 / 5 mesi fa

Telecom, Gianni Letta "in visita" a vertici gruppo vede Recchi

ROMA (Reuters) - L‘ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio di Silvio Berlusconi Gianni Letta è stato visto uscire questo pomeriggio dalla sede romana di Telecom Italia dove si stanno tenendo le riunioni preparatorie per la semestrale che sarà diffusa domani.

“Sono venuto in visita” si è limitato a dire Letta, da sempre braccio destro di Berlusconi, proprietario della Fininvest che controlla Mediaset.

Una fonte a conoscenza della situazione ha riferito che Letta ha incontrato il vice presidente Giuseppe Recchi che conosce da tempo. Una seconda fonte ha aggiunto che “avrebbe visto anche il presidente Arnaud de Puyfontaine, presente in sede”.

Mediaset e Vivendi, che controlla il 24% circa di Telecom, sono ai ferri corti da quando il gruppo francese ha contestato l‘accordo d‘acquisto di Mediaset Premium arrivando successivamente fino a sfiorare il 30% del gruppo controllato da Fininvest.

Del resto di temi sul tavolo ce ne sono tanti, come ha confermato annuendo lo stesso Recchi al cronista che lo ha incrociato mentre l‘ex presidente di Eni e della stessa Telecom stava uscendo dalla sede del gruppo. Il manager indicato da più parti come candidato più probabile alla sostituzione di Cattaneo nel ruolo di Ceo però non ha voluto affrontare la questione.

Dal riassetto della governance di Telecom Italia, ancora aperto, con l‘Ad, Flavio Cattaneo che lascerà questo fine settimana. E con i nuovi vertici operativi solo abbozzati. Oltre a Recchi c‘è attesa per Amos Genish, responsabile della convergenza di Vivendi ed ex capo della brasiliana Gvt, indicato come futuro direttore generale.

Poi ci sono i rapporti, inesistenti al momento, con l‘operatore pubblico per la banda ultralarga Open Fiber e il governo.

E infine il confronto legale fra la capogruppo Vivendì e il gruppo Berlusconi che si è arricchito negli ultimi giorni di un ulteriore tassello.

Nel cda che ha approvato la risoluzione del contratto con Cattaneo il presidente Arnaud de Puyfontaine ha anche informato il consiglio di aver ricevuto dal gruppo Canal+ - la pay tv di Vivendi con una catalogo di oltre 5 mila film - la proposta di creare una nuova joint venture con Tim per l’acquisizione di diritti per audiovisivi e la produzione di film e serie originali.

Un ingresso in grande stile che ovviamente non può non dare da pensare al gruppo Berlusconi che Vivendi lo ha in casa alla soglia dell‘Opa.

(Alberto Sisto)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below