6 luglio 2017 / 07:39 / 3 mesi fa

Borsa Milano allunga nel finale con banche, auto

MILANO (Reuters) - Il rialzo dei rendimenti, con il tasso del Bund decennale che ha toccato i massimi di diciotto mesi, deprime i mercati europei ma imprime slancio ai bancari sostenendo Piazza Affari in controtendenza.

Traders a lavoro. REUTERS/Lucas Jackson

Con un allungo finale sopra 21.000 punti l‘indice FTSE Mib ha terminato in rialzo dello 0,7%, l‘Allshare dello 0,56% mentre lo Star ripiega dello 0,34%. Volumi per 2,43 miliardi di euro. Le tre principali piazze europee chiudono lasciando sul campo fra lo 0,4% e lo 0,6% mentre a Wall Street gli indici sono deboli.

A Milano corrono anche i titoli del settore automotive, fra i pochi in rialzo anche nel resto dell‘Europa. Piovono acquisti su BREMBO (+4,5%) con volumi ben sopra la media. Vola nel settore LANDI RENZO (+9,8%).

Il paniere degli istituti di credito tricolore chiude in rialzo dell‘1,8% con BANCO BPM e UNICREDIT che balzano di almeno il 3%.

BANCA CARIGE termina con +0,24% una seduta in altalena che ha portato il titolo anche a guadagnare il 6% dopo aver messo a segno un rally del 34% nell‘ultima settimana dai minimi storici.

Stamane la banca ha annunciato di aver ceduto sofferenze per 938 milioni a un prezzo pari al 33%.

“La cessione va nella direzione di rispettare i paletti fissati dalla Bce in termini di ammontare complessivo delle sofferenze entro fine 2017”, commenta un broker che aggiunge: “il prezzo di cessione è in linea con altre cessioni (sopra 30%) compiute da banche che non erano a rischio risoluzione e dimostra che i prezzi di cessione visti per Mps (21%) non sono da considerarsi un benchmark”.

Debole MEDIASET (-1% circa) in un settore europeo colpito dalle vendite; oggi JP Morgan ha tagliato il target price a 3,6 euro da 4,4 con giudizio ‘neutral’.

Sotto pressione i titoli dei servizi di pubblica utilità, che risentono di un clima di irrigimento delle condizioni monetarie: A2A perde l‘1,4%, TERNA lo 0,7% e, fuori dal FTSE Mib, IREN cede 1,3% ed HERA il 2,3%. Vira in positivo ENEL.

Inverte rotta nel pomeriggio PRELIOS e chiude intorno alla parità dopo che il titolo era stato ben comprato stamani sulla notizia che agirà come servicer nell‘operazione di cartolarizzazione di Carige.

SIAS guadagna quasi il 2% dopo che ieri il governo italiano ha raggiunto un accordo di principio con le autorità europee per la proroga di alcune concessioni autostradali in cambio di investimenti.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below