30 marzo 2017 / 11:52 / tra 7 mesi

Greggio in assestamento, interruzioni Libia compensate da aumento scorte Usa

LONDRA (Reuters) - Il greggio ritraccia marginalmente dopo due sedute di rialzi, con l‘impatto delle interruzioni dell‘offerta in Libia e della riduzione delle forniture di altri esportatori Opec limitato dai livelli record delle scorte Usa.

** Intorno alle 11,55 il contratto sul Brent per consegna maggio cede 26 cent a 52,16 dollari. La scadenza analoga del greggio Usa arretra di 8 cent a quota 49,43 dollari.

** Entrambi i contatti hanno guadagnato oltre un dollaro al barile ieri portandosi ai livelli più alti di due settimane.

** “C‘è una chance significativa che si sia trovato un fondo di breve-medio termine”, commenta Tamas Varga, analista di PVM Oil Associates.

** La produzione in Libia è scesa di oltre 250.000 barili al giorno questa settimana, con l‘output dei giacimenti occidentali di Sharara e Wafa bloccato da dimostranti armati.

** La riduzione della produzione libica è arrivata in coincidenza con gli sforzi dell‘Opec per una stretta dell‘offerta finalizzata a sostenere i prezzi.

** L‘Opec tuttavia sta incontrando difficoltà nel frenare il mercato perché le scorte in molte parti del mondo sono intorno a massimi storici. Ieri i dati Eia hanno evidenziato un aumento delle riserve settimanali di greggio di 867.000 barili al record di quasi 534 milioni.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below