16 marzo 2017 / 14:02 / 9 mesi fa

Dollaro ancora sotto tono dopo dati Usa sussidi, Philly Fed e cantieri

NEW YORK (Reuters) - Non trova sostegno il biglietto verde dalla diffusione degli ultimi dati su nuove richieste settimanali di disoccupazione, indice Fed Philadephia e apertura nuovi cantieri.

Contro le prime sei parti ponderate per il commercio l‘indice del dollaro torna al minimo da un mese a questa parte, già segnato ieri dopo il tono evidentemente più ‘dovish’ del previsto dei commenti di Federal Reserve.

A giudicare dalle statistiche su mercato del lavoro e inflazione una parte del mercato scommetteva infatti che la banca centrale Usa avrebbe ritoccato i cosiddetti ‘dots’, vale a dire la stima sul percorso al rialzo dei tassi, ma così non è stato.

“Ci sembra comunque il classico scenario ‘buy the rumor, sell the fact’ in una fase in cui il mercato resta ‘lungo’ di dollari” osserva Stephen Simonis, responsabile per il mercato valutario di FXDD Global.

“La correzione della valuta Usa potrebbe proseguire ancora per un giorno o due ma a nostro avviso quella di acquistare sui minimi resta una buona strategia” aggiunge.

Nulla di fatto, in linea alle attese, dalle riunioni sui tassi di Banca del Giappone e della banca centrale svizzera.

Ferma su tassi e quantitative easing anche Banca d‘Inghilterra, uno dei cui nove consiglieri chiedeva però già oggi un aumento del costo del denaro.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below