7 marzo 2017 / 11:32 / 9 mesi fa

Greggio poco mosso in range stretto, attende dati

LONDRA (Reuters) - Seduta senza scossoni per il greggio, che tratta in range stretto, in un mercato che vede bilanciarsi da una parte l‘aumento della produzione di petrolio da scisto Usa e dall‘altra i tagli Opec all‘output.

** Gli investitori cercano quindi indicazioni direzionali più chiare dai prossimi dati sulle scorte e dai commenti di funzionari del settore.

** Intorno alle 12 italiane il contratto sul Brent per consegna maggio LCOc1 segna un rialzo di 8 cent a 56,09 dollari al barile. La scadenza aprile sul greggio leggero Usa West Texas Intermediate sale di 11 cent a quota 53,31. Fin dalle prime contrattazioni asiatiche entrambi i benchmark hanno oscillato tra territorio negativo e positivo.

** Da febbraio i prezzi del petrolio sono ingessati in una banda di 3 dollari, senza riuscire a prendere il volo dopo che l‘Opec ha implementato -- in modo sorprendentemente consistente -- il primo taglio alla produzione degli ultimi otto anni.

** A frenare un‘impennata delle quotazioni è stato l‘inevitabile aumento dell‘attività di perforazione di scisto negli Stati Uniti, dopo che a dicembre il Wti è salito saldamente sopra i 50 dollari al barile sulla scia della firma dell‘accordo dell‘Opec, che ha coinvolto anche vari altri paesi non appartenenti all‘organizzazione come la Russia.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below