February 15, 2017 / 11:03 AM / 2 years ago

Bankitalia: Titoli Stato Italia, sale portafoglio esteri novembre

MILANO (Reuters) - È salito in novembre il controvalore del portafoglio di titoli di Stato italiani detenuti da investitori stranieri.

Secondo i dati contenuti nel supplemento al bollettino statistico ‘Finanza pubblica, fabbisogno e debito’ di Banca d’Italia, a novembre il controvalore dei governativi italiani detenuti da investitori non residenti risultava pari a 700,998 miliardi di euro dai 689,970 del mese precedente.

In base a calcoli Reuters sui dati di Bankitalia, la quota dei titoli del debito pubblico italiano in mano a investitori esteri passa al 37,1% del totale dal 36,7% di ottobre.

Il portafoglio esteri include anche i titoli di Stato detenuti da investitori domestici attraverso soggetti non residenti e quelli detenuti dalla Bce e da banche centrali di altri Paesi.

FONDI

Anche recentemente Bankitalia è tornata a spiegare come negli ultimi anni si sia assistito a un sensibile riposizionamento delle famiglie italiane verso prodotti assicurativi e del risparmio gestito offerti da soggetti domiciliati all’estero ma spesso riconducibili a operatori italiani, alla ricerca di rendimenti più consistenti di quelli garantiti dal possesso diretto di titoli nazionali.

Secondo l’ultimo Rapporto di stabilità finanziaria di via Nazionale, diffuso a novembre, allo scorso giugno la quota dei titoli di Stato italiani detenuti da investitori esteri veri e propri — ovvero sottraendo i bond posseduti dalla Bce direttamente (e non attraverso Bankitalia) e da gestioni e fondi esteri riconducibili a investitori italiani — era pari al 28,4% (in calo rispetto al 28,8% di fine 2015 e al 30,0% di giugno 2015). Alla stessa data la quota esteri ‘lorda’ ammontava al 37,2%, con una differenza che si conferma nell’ordine di una decina di punti percentuali.

Gli analisti stimano da tempo che tale differenza sia imputabile, grossomodo per una metà, ai governativi in mano alla Bce (quelli residui del vecchio programma Smp e quelli acquistati direttamente tramite il Qe e non attraverso Bankitalia) e, per l’altra, a quelli in possesso dei fondi esteri collegati a investitori italiani.

PORTAFOGLIO BANKITALIA

I dati odierni confermano le principali tendenze in atto, ovvero un nuovo calo della quota retail (di 0,4 punti percentuali) e l’incremento di quella di Bankitalia (di mezzo punto), di pari passo con gli acquisti di titoli effettuati nell’ambito del Qe. Un calo si registra anche nel dato relativo alle banche italiane, mentre rimane pressoché invariato quello di assicurazioni e fondi.

Via Nazionale ha comunicato stamane anche l’aggiornamento sul proprio portafoglio a fine dicembre, salito ulteriormente a 269,625 miliardi: a fronte di un totale di titoli nazionali in circolazione che nello stesso mese risulta pari a 1.872,375 miliardi (di cui 1.765,349 a medio lungo termine), la quota di Bankitalia sale al 14,4% del totale. Un anno prima, a fine dicembre 2015, la quota di Bankitalia era pari al 9,1%.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below