1 febbraio 2017 / 13:45 / tra 10 mesi

Greggio sale oltre 55 dollari su tagli Russia, Opec

LONDRA (Reuters) - Le quotazioni del greggio salgono ulteriormente oltre i 55 dollari al barile negli scambi londinesi, sostenute dai segnali che Russia e i produttori Opec stanno effettivamente riducendo l‘offerta, anche se limita i guadagni il consistente aumento delle scorte Usa evidenziato dai dati Api.

La Russia ha tagliato la produzione a gennaio di circa 100.000 barili giornalieri, secondo i dati forniti a Reuters oggi. Ieri una indagine condotta da Reuters aveva evidenziato un‘alta adesione ai tagli alla produzione concordati dall‘Opec.

Intorno alle 13 il greggio Brent avanza di 38 centesimi a 55,96 dollari il barile e quello Usa di 33 cents a 53,14 dollari.

Gli sforzi dei produttori sono controbilanciati da segnali di un persistente eccesso di offerta negli Stati Uniti. Le scorte Usa sono aumentate di 5,8 milioni di barili secondo le stime Api (American Petroleum Institute), più delle previsioni degli analisti.

Dopo le statistiche Api oggi sono attesi i dati ufficiali del governo Usa. Gli analisti si aspettano un aumento delle scorte di 3,3 milioni di barili.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below