January 9, 2017 / 10:16 AM / 2 years ago

Dollaro si stabilizza dopo calo settimana scorsa ma resta cautela

LONDRA (Reuters) - Il dollaro si stabilizza dopo le vendite subite la settimana scorsa, grazie ai segnali di pressioni salariali emersi dai dati occupazionali Usa di venerdì.

** Quanto emerso dai ‘payroll’ Usa ha spinto il mercato a ragionare sulla possibilità di un nuovo rialzo dai tassi da parte della Fed già nel primo trimestre di quest’anno, con i rendimenti sui Treasury Usa risaliti ai massimi da diverse settimane (cinque per quello sulla scadenza decennale US10YT=TWEB).

** Tuttavia il biglietto verde non sembra aver ritrovato alcun trend rialzista, con gli operatori che mantengono ancora un atteggiamento cauto temendo nuovi scivoloni della valuta.

** “È interessante notare che, nonostante ci sia stata un po’ di volatilità nel frattempo, azionario Usa, dollaro e rendimenti decennali (Usa) sono tutti più o meno sugli stessi livelli di quando la Fed ha alzato, quasi quattro settimane fa” si legge in una nota di Anz. “Sembra che i mercati si stiano chiedendo se il tema della risalita dell’inflazione sia ormai prezzato”.

** L’euro/dollaro è rimasto nel corso della seduta entro un intervallo ristretto, compreso tra 1,0517 e 1,0555; la settimana scorsa il cambio era oscillato tra 1,0339 e 1,0621.

** Il dollaro guadagna leggermente sullo yen a metà mattinata, ma sotto il massimo di seduta ai 117,52.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below