18 novembre 2016 / 10:12 / in un anno

Ricerca e sviluppo, Istat: ecospesa pubblica 2016 -1,4% ma sale privata

ROMA (Reuters) - La spesa italiana in ricerca e sviluppo nel 2016 è confermata in calo nel settore pubblico (-1,4% su anno), mentre è dichiarata un aumento nelle istituzioni private no profit e nelle imprese (rispettivamente +2,2% e +5,2%).

È quanto riferisce oggi Istat, precisando che per l‘anno in corso non sono disponibili i dati di previsione per le università.

Passando poi al 2015, l‘istituto spiega che “diminuiscono gli stanziamenti per R&S di amministrazioni centrali, regioni e province autonome: i fondi passano da 8.450,4 milioni di euro del 2014 (previsioni di spesa assestate) a 8.266,6 milioni di euro del 2015 (previsioni di spesa iniziali)”.

Per quanto riguarda invece il 2014, la spesa per la ricerca ‘intra-muros’ complessiva ha sfiorato i 22,3 miliardi di euro, in aumento sul 2013 “in termini sia nominali (+6,2%) sia reali (+5,3%)”, e un‘incidenza sul Pil dell‘1,38% dall‘1,31% dell‘anno prima.

“L‘aumento maggiore è registrato nel Mezzogiorno (+12,6%)”, precisa Istat, aggiungendo che nel complesso il contributo del settore privato è salito al 58,3% rispetto al 57,7% del 2013.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below