December 30, 2015 / 11:22 AM / 3 years ago

Greggio, prezzi ritracciano verso i minimi da 11 anni

General view of Neste's oil refinery, with a total refining capacity of about 13.5 million tonnes per year, in Porvoo, southern Finland, November 17, 2015. Picture taken November 17, 2015. REUTERS/Jussi Rosendahl - RTS7QW0

MILANO (Reuters) - Il greggio ritorna di nuovo verso i minimi da 11 anni a causa delle indicazioni di un rallentamento della domanda di energia globale a fronte di scorte a livelli record.

Il brent benchmark, vicino ai 37 dollari al barile, è a solo un dollaro dai minimi raggiunti la scorsa settimana dopo che il fattore di sostegno - l’atteso arrivo del freddo in Europa e negli Stati Uniti - è visto avere una breve durata.

Il futures sul greggio Usa West Texas intermediate tratta a 36,92 dollari al barile, in calo di 95 centesimi, o di oltre il 2%, rispetto alla seduta precedente.

Il Brent cede 80 centesimi a 36,99 dollari al barile, in discesa di circa il 2%.

“Non c’è un miglioramento significativo nei fondamentali a breve termine “, rileva un trader che evidenzia come i bassi volumi trattati nel prossimo anno renderanno gli attuali prezzi piatti suscettibili di movimenti bruschi.

I prezzi del greggio sono crollati di due terzi da metà 2014 a seguito dell’incremento della produzione da parte sia dell’Opec sia della Russia e degli Stati Uniti, portando a un surplus globale compreso fra mezzo milione e 2 milioni di barili di materia prima al giorno.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below