28 dicembre 2015 / 09:30 / tra 2 anni

Borse Asia deboli, Cina in ribasso su nuove regole Ipo

28 dicembre (Reuters) - L‘azionario asiatico è debole senza spunti particolari in vista della chiusura dell‘anno, nonostante il rimbalzo della borsa giapponese aiutata dal recupero nei prezzi del petrolio. Pesante la Borsa cinese.

L‘indice MSCI cala dello 0,5% attorno alle 9,00 ora italiana, ritracciando dai modesti guadagni visti in avvio di seduta. L‘indice sta perdendo circa l‘11% da inizio anno.

SHANGHAI ha chiuso in calo del 2,6%, peggiore performance da un mese; gli investitori sono preoccupati dell‘impatto di un imminente riforma delle procedure di quotazione delle società in borsa, che potrebbe potenzialmente favorire l‘offerta di nuova carta sul mercato.

Sotto pressione China Telecom dopo che il suo presidente Chang Xiaobing è finito sotto inchiesta da parte dell‘agenzia anticorruzione.

HONG KONG ha chiuso in ribasso dell‘1%.

La Borsa di SEUL è finita in rosso con una perdita dell‘indice dell‘1,3% con gli investitori esteri che hanno venduto azioni per la 18esima seduta di fila.

MUMBAI invece ha chiuso positiva con un progresso dello 0,56% che ha portato l‘indice al massimo dal 3 dicembre.

Tata Power è salita del 2,33% dopo aver siglato un accordo con la Russia per progetti nel settore dell‘energia.

L‘assicuratore Max India Ltd è balzato del 7% ai massimi dall‘8 dicembre dopo che è stato approvato un progetto di separazione societaria delle sue attività.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italianoLe top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below