December 10, 2015 / 12:46 PM / 2 years ago

Greggio, per Opec concorrenti più colpiti da prezzi bassi nel 2016

LONDRA (Reuters) - L’Opec prevede che la produzione di petrolio da parte dei paesi non membri dell’organizzazione scenderà più drasticamente l’anno prossimo, uno scenario che indicherebbe come la strategia di difendere le quote di mercato e non i prezzi stia funzionando.

L’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio ha anche aggiunto che a novembre la produzione dei paesi membri è cresciuta, alimentando l’eccesso di offerta a livello globale, e ha previsto un rallentamento della crescita della domanda di petrolio mondiale il prossimo anno.

Il rapporto dell’Opec segue il meeting dello scorso 4 dicembre nel quale è stata sostenuta la politica di offerta di greggio senza restrizioni. Un anno fa l’Arabia Saudita aveva spinto verso questa strategia volta alla difesa delle quote di mercato anziché ai tagli alla produzione, nella speranza di rallentare la crescita dell’offerta concorrente.

Secondo il report, la produzione extra-Opec dovrebbe ridursi di 380.000 barili al giorno nel 2016 per effetto dei cali in areee quali Usa e ex Unione Sovietica.

Lo scorso mese l’Opec aveva previsto un calo di 130.000 barili al giorno.

Per quanto riguarda invece i paesi Opec, la produzione è salita di 230.000 barili al giorno a novembre a 31,7 milioni di barili, precisa il rapporto citando fonti.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below