10 dicembre 2015 / 09:20 / tra 2 anni

Euro ritraccia su dollaro dopo picco mese, franco sale su conferma tassi Snb

LONDRA (Reuters) - Prosegue la fase di volatilità sul mercato valutario, mentre si susseguono i verdetti su tassi delle principali banche centrali mondiali, che culmineranno la prossima settimana con la decisione della Federal Reserve, la quale potrebbe decidere la prima stretta dopo un decennio.

Euro coins are seen in front of a U.S. one dollar banknote displayed in this picture illustration taken in Zenica, March 13, 2015.European shares edged up at the open on Friday, setting up Germany's Dax index for its longest streak of weekly gains since 1998, as traders added to their bets on an economic recovery in Europe. Sectors which are exposed to the domestic economy and the euro, which hit a 12-year low against the dollar this week, led gains. Automakers, travel & leisure and real estate were all up 0.6-0.7 percent at 0813 GMT. REUTERS/Dado Ruvic (BOSNIA AND HERZEGOVINA - Tags: BUSINESS) - RTR4T6YZ

** L‘euro ritraccia dal picco mensile sul biglietto verde toccato ieri a 1,1044 dollari, dopo i commenti del banchiere centrale austriaco Ewald Nowotny. Il consigliere della Banca centrale europea, ha sottolineato come l‘aumento dello stimolo deciso la settimana scorsa da Francoforte, giudicato sotto le attese dal mercato, sia appropriato all‘attuale fase della congiuntura, non valutata adeguatamente dagli analisti nella formazione delle proprie aspettative.

** Possibili nuovi spunti potrebbero arrivare dai commenti del consigliere Benoit Couré, di cui è in agenda un intervento alle 12,30.

** Il dollaro recupera complessivamente terreno sulle principali controparti, dopo le perdite innescate dalla limatura di posizioni lunghe da parte degli investitori, che ieri hanno schiacciato l‘indice del biglietto verde fino a 97,223, il minimo da oltre un mese. Intorno alle 10, l‘indice del dollaro sale dello 0,35% a 97,685.

** Il franco svizzero sale ai massimi da una settimana sull‘euro dopo la decisione della Swiss National Bank di confermare i tassi d‘interesse, in territorio già ampiamente negativo, ribadendo l‘intenzione di intervenire sul mercato valutario per evitare un eccessivo apprezzamento della valuta elvetica, ma senza effettuare passi concreti.

** Gli analisti attendono una conferma politica monetaria anche da Banca d‘Inghilterra. La decisione è attesa per le 13.

** Ancora in calo lo yuan, che tocca i minimi da agosto nei confronti del dollaro, a seguito della decisione della banca centrale di abbassare per la quarta seduta consecutiva il punto medio della banda di oscillazione. L‘istituto centrale prima dell‘apertura dei mercati ha fissato il midpoint a 6,4236 per dollaro, nuovo minimo da oltre quattro anni. Un altro segnale di come Pechino stia tranquillamente favorendo una svalutazione della propria valuta, di recente inserita nel paniere del Fondo monetario internazionale.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below