23 novembre 2015 / 10:55 / 2 anni fa

Greggio in netto calo, dollaro forte e sovracapcità pesano su investitori

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio scendono oggi, penalizzati dal balzo del dollaro ai massimi da sette mesi e con gli analisti che vedono altre perdite a causa della discordanza fra eccesso di fornitura della materia prima a livello globale e domanda.

Il calo rientra nel più ampio ribasso che stanno registrando le commodities a seguito anche dei timori sull‘incerta domanda in Cina: i prezzi dei metalli base come rame e nickel sono in netto calo, mentre gli speculatori sono diventati molto negativi sul greggio.

Il futures sul greggio West Texas intermediate cede 1,26 dollari al barile a 40,64 dollari. Il contratto ha rotto il livello al di sotto di quota 40 dollari venerdì scorso per la prima volta da agosto.

Il futures benchmark sul Brent scadenza gennaio perde 90 centesimi a 43,76 dollari al barile.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below