6 maggio 2015 / 07:19 / tra 3 anni

BORSA MILANO positiva, bene finanziari, pesanti Atlantia e Fca

MILANO (Reuters) - Piazza Affari archivia in moderato rialzo una seduta che conferma la volatilità e l‘estrema delicatezza del periodo.

Ingresso della Borsa di Milano. REUTERS/Alessandro Garofalo

Con un occhio ad Atene, alle trattative tra il governo greco e i creditori internazionali, e l‘altro alle vicende politiche italiane, dopo aver tentato un rimbalzo in mattinata dopo il sell-off di ieri, gli investitori hanno visto nell‘apertura zoppicante di Wall Street un motivo sufficiente per tornare a vendere. Sul rettilineo finale, però, sono tornati a prevalere gli acquisti, trainati dai finanziari, ma non sono mancati gli sbandamenti.

“Siamo costantemente sul filo del rasoio”, ha commentato un dealer, sconsolato. “C‘è molto nervosismo, pure troppo”.

In chiusura, l‘indice FTSE Mib ha guadagnato lo 0,37% e l‘AllShare lo 0,28%, mentre il Mid Cap ha lasciato sul terreno lo 0,35%.

Volumi per un controvalore di circa 3,9 miliardi di euro.

ATLANTIA pesante (-4,6%), penalizzata da quella che gli operatori considerano una correzione.

In scia le altre concessionarie autostradali: ASTM -3,97% e SIAS -4,71%.

Finanziari tonici: il paniere delle banche è salito dell‘1,67%, con INTESA SANPAOLO (+1,96%) e UNICREDIT (+1,84%) a braccetto. Sono tornati gli acquisti sulle popolari: UBI BANCA +1,18%, POPOLARE EMILIA ROMAGNA +1,97% e BANCO POPOLARE +1,67%. Segno più anche per MEDIOBANCA (+1,35%) e MONTEPASCHI (+1,38%).

Restando ai finanziari, bene il risparmio gestito: MEDIOLANUM +2,73% e AZIMUT +2,46%.

In ripresa, dopo il calo di ieri, le assicurazioni: GENERALI +0,77% e UNIPOLSAI +0,17%.

Colpita ieri dalle prese di beneficio, LUXOTTICA in mattinata aveva tentato un rimbalzo, abortito nella seconda parte della giornata: -1,56% in chiusura.

Passaggio alla cassa anche per gli investitori di FCA (-3,32%). Meglio CNH INDUSTRIAL (+1,59%) ed EXOR (+0,17%).

All‘interno della galassia della famiglia Agnelli, da segnalare la discesa della JUVENTUS (-3,96%), sebbene ieri sera, superando per 2 a 1 il Real Madrid, i bianconeri abbiano compiuto un passo verso la finale di Champions League.

Rimbalza STMICROELECTRONICS (+1,62%).

Prosegue il trend positivo di FINMECCANICA (+1,29%).

Il balzo dei prezzi del greggio non si è tradotto in un movimento corrispondente di ENI (-0,06%). Meglio SAIPEM (+0,82%), mentre su TENARIS hanno prevalso ancora le prese di beneficio (-2,18%).

TERNA snobbata (+0,24%) nel giorno della trimestrale.

Pesante BUZZI UNICEM: -2,9%.

BENI STABILI in volo (+6%) sul dimezzamento della perdita e l‘accordo con Telecom Italia.

SNAI premiata (+4,03%) per l‘integrazione con Cogetech.

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below