9 marzo 2015 / 08:34 / tra 3 anni

Borsa Milano positiva con banche e petroliferi, balza Saipem

Un trader al lavoro a Milano. REUTERS/Alessandro Garofalo

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude la seduta in rialzo registrando la migliore performance tra le borse europee grazie agli acquisti sui titoli bancari e petroliferi.

Gli investitori si concentrano su alcuni temi specifici mentre l‘avvio del Qe delle Bce, già scontato dal mercato, ha scarso impatto sulla giornate odierna.

“Ovviamente era tutto atteso”, commenta un trader relativamente al piano di acquisti di titoli pubblici da parte della Banca centrale europeo per un totale di 60 miliardi di acquisti al mese sul mercato secondario fino a settembre 2016, e comunque fino a quando l‘inflazione non si riporterà verso il target inferiore ma vicino al 2%.

“I mercati sono cauti per l‘evoluzione della situazione in Grecia”, mentre sulla borsa milanese “si spinge su banche e petroliferi”, aggiunge l‘operatore citando in un caso un report di Goldman Sachs che si concentra sul consolidamento tra le popolari e nell‘altro il rimbalzo delle quotazioni petrolifere.

L‘indice FTSE Mib termina in rialzo dello 0,57% e l‘Allshare dello 0,56%. Volumi a circa 3,5 miliardi di euro.

L‘indice europeo FTSEurofirst cala dello 0,26%.

Sul listino milanese in evidenza, tra i bancari, POP EMILIA (+3,65%) e POP MILANO (+1,73%), promosse da Goldman Sachs a ‘buy’ in quanto potenzialmente le maggiori beneficiarie dell‘atteso processo di consolidamento innescato dalla riforma sulla trasformazione in Spa.

Al contrario BANCO POPOLARE cede lo 0,58% dopo che Goldman ha rivisto il giudizio a “neutral” da “buy”, ritenendo che il potenziale di valore della banca in uno scenario di M&A sia invece più limitato. [ID:nL5N0WB18F]

Ancora interesse su MPS (+1,6%) in attesa dell‘aumento di capitale e dopo la pulizia di bilancio con i conti 2014.

Forte SAIPEM, il migliore titolo del FTSE Mib con un rialzo del 4% circa dopo le indiscrezioni di stampa secondo le quali continuano i pagamenti di Gazprom alla società italiana, nonostante lo stop al progetto South Stream. [ID:nL5N0WB1MO]

La controllante ENI sale dell‘1,97% beneficiando anche della promozione a ‘buy’ di Ubs.

Acquisti su ATLANTIA (+2,3%) dopo i conti di venerdì da cui emerge, secondo Icbpi, un dividendo migliore delle stime, e sulle attese della cessione di una quota di minoranza di Adr.

FINMECCANICA positiva (+1,2%). Hitachi pagherà 9,5 euro per azione per Ansaldo STS dopo un aggiustamento legato al dividendo. [ID:nL5N0W8423]

Tornando ai finanziari GENERALI guadagna un punto percentuale circa dopo le indiscrezioni di stampa su una cedola superiore alle previsioni.

Sul fronte dei ribassi, cali nel lusso con MONCLER e TOD‘S con rispettivamente -2% e -1,4%, ma anche la più piccola GEOX perde il 3,4%.

In fondo al paniere principale TELECOM ITALIA perde il 2,2%. Oggi l‘AD Marco Patuano ha detto che il piano del governo sulla banda ultralarga non chiarisce totalmente il quadro futuro.

Debole A2A (-1,16%) dopo che il presidente Giovanni Valotti, parlando nel corso di una audizione presso la commissione Attività partecipate a Palazzo Marino, ha detto che l‘utility deve restare una impresa a controllo pubblico.

Tra i titoli minori rialzi a due cifre nell‘immobiliare: GABETTI balza del 18,9%, RISANAMENTO segna +15,3%, mentre PRELIOS sale del 9,9%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below