2 marzo 2015 / 16:43 / tra 3 anni

Borsa Milano in moderato calo su realizzi, bene Fca, Telecom e StM

MILANO (Reuters) - Piazza Affari archivia in moderato ribasso una seduta caratterizzata da realizzi, giudicati dagli operatori fisiologici dopo il rally che ha contraddistinto il mese di febbraio.

La sede di Borsa Italiana a Milano, nel marzo 2013. REUTERS/Alessandro Garofalo

Significativamente, peraltro, il listino milanese ha viaggiato a lungo in controtendenza rispetto alle altre borse europee ed è passato in territorio negativo soltanto a metà giornata. Dopo l‘avvio positivo di Wall Street, poi, la freccia è tornata a puntare verso l‘alto, per arretrare un po’ nel finale.

In chiusura, l‘indice FTSE Mib ha perso lo 0,18% e l‘AllShare lo 0,02%, mentre il Mid Cap ha guadagnato lo 0,39%.

Volumi per un controvalore di circa 3,5 miliardi di euro.

STMICROELECTRONICS euforica (+3,14%) grazie all‘acquisizione di Freescale da parte di Nxp, operazione da 11,8 miliardi di dollari.

FIAT CHRYSLER tonica (+2,25%), meglio di uno stoxx europeo di settore comunque positivo (+0,3%). Mediobanca Securities ha alzato la valutazione di Maserati a 3,3 miliardi, pari a 6,5 volte il rapporto EV/Ebit del 2016 e in linea con i competitor. Il broker ha migliorato il target price del titolo a 16,4 euro da 13,2, mantenendo outperform.

Ben comprata TELECOM ITALIA (+1,31%) sulle speculazioni di un possibile interesse di Orange, innescate da dichiarazioni rilasciate dal Ceo del gruppo francese nel weekend.

Brillanti WORLD DUTY FREE (+2,55%) e AUTOGRILL (+1,81%), oggetto di indiscrezioni di stampa sui piani della famiglia Benetton.

Realizzi sui finanziari, principali beneficiari del rally di febbraio: il paniere delle banche è arretrato dello 0,86%. Venduta INTESA SANPAOLO (-1,27%), meglio UNICREDIT (-0,34%). Male POPOLARE EMILIA ROMAGNA (-2,71%), BANCO POPOLARE (-1,45%), MONTEPASCHI (-0,89%), POPOLARE MILANO (-0,95%) e UBI BANCA (-1,14%).

Fuori dal paniere principale, CARIGE (+10,23%) galvanizzata dall‘ingresso nel capitale di Malacalza Investimenti con il 10,5%.

Non si arresta la corsa di GTECH (+3,51%) e LUXOTTICA (+1,54%).

Energetici penalizzati dalla discesa dei prezzi dei prodotti petroliferi: ENI -0,96%, TENARIS -0,94% e SARAS -3%. In controtedenza SAIPEM: +0,98%.

Prese di beneficio su alcuni dei titoli in evidenza recentemente: YOOX -1,75%, BUZZI UNICEM -2,46%, ATLANTIA -1,02% e MONCLER -1,26%.

Debutto piatto per OVS: invariata.

Tra le small e mid cap, balzo di EEMS (+9%): nel weekend ha annunciato l‘ok del tribunale di Rieti al concordato preventivo per Eems Italia, con l‘accettazione dell‘offerta vincolante da parte di GALA.

VALSOIA premiata (+7,43%) dopo la pubblicazione dei conti.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below