11 febbraio 2015 / 11:25 / tra 3 anni

Greggio in calo, Brent scivola sotto 56 dollari su timori eccesso offerta

LONDRA (Reuters) - Seduta in calo per i derivati sul greggio, con il Brent scivolato sotto i 56 dollari al barile per le attese che l‘eccesso di offerta sui mercati proseguirà e dopo i dati Api che hanno mostrato un aumento delle scorte Usa.

Un'immagine notturna di una raffineria petrolifera. REUTERS/Sergei Karpukhin

Le riserve sono già su livelli record, secondo l‘agenzia governativa Eia che a sua volta pubblica oggi le statistiche settimanali.

A mettere sotto pressione i corsi petroliferi hanno contribuito ieri le previsioni della International Energy Agency, che stima un proseguimento della crescita dell‘offerta negli Stati Uniti fino al 2020 nonostante il calo dei prezzi e una possibile nuova salita delle scorte a massimi record quest‘anno.

“La crescita dell‘offerta nel 2015 probabilmente continuerà senza sosta, anche se a un ritmo un po’ più lento”, commenta in una nota ai trader Fereidun Fesharaki di Facts Global Energy. “Tutto questo significa un mercato debole nel 2015 e prezzi petroliferi ancora più bassi. Il rimbalzo della domanda non salverà il mercato petrolifero”.

Intorno alle 12,15 italiane il contratto sul Brent per consegna marzo cede 63 cent a 55,80 dollari e la scadenza analoga sul greggio Usa arretra di 27 cent a quota 49,75.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below