23 gennaio 2015 / 08:34 / 3 anni fa

Btp, prosegue effetto 'Qe', tassi a nuovi minimi su intera curva

MILANO (Reuters) - Sul mercato obbligazionario italiano, e sull‘intero comparto della zona euro, prosegue l‘effetto positivo dell‘annuncio del piano di quantitative easing della Bce, che spinge a nuovi minimi storici i rendimenti lungo l‘intero spettro della curva.

Un operatore legge sul suo pc notizie sulle decisioni Bce. REUTERS/Ralph Orlowski

“La Bce è stata convincente, le dimensioni hanno superato le aspettative, e questo sta alimentando un rally generalizzato”, dice un operatore.

A partire da marzo Francoforte acquisterà titoli pubblici e privati per 60 miliardi di euro al mese fino alla fine di settembre 2016, garantendo in ogni caso che gli acquisti proseguiranno “fino a che non si osservi un sostenibile aggiustamento del sentiero d‘inflazione”.

Secondo i calcoli di alcuni quotidiani sulla base dei criteri esplicitati dalla Bce, ovvero la quota di partecipazione al capitale dell‘istituto centrale europeo e il divieto di acquistare oltre il 33% delle emissioni del singolo paese, per l‘Italia gli acquisti potrebbero arrivare a 120-125 miliardi.

Intorno alle 12,15 il tasso del Btp decennale si attesta in area 1,45% dopo aver toccato in mattinata il minimo storico di 1,416% da 1,562% di ieri in chiusura.

Si è stretto fino a 110 punti base, il nuovo livello più basso dal 19 maggio 2010, il premio di rendimento nei confronti dell‘analoga scadenza del Bund.

Nuovi minimi anche per il tasso del biennale, giù fino a 0,295% e per quello del trentennale, sceso fino a 2,53%.

“La decisione di acquistare titoli fino alla scadenza trentennale è positiva per la parte extra-lunga”, sottolinea una nota di commento ai mercati di UniCredit.

Proprio la sovraperformance del comparto extralungo, in un clima da caccia al rendimento, determina un deciso movimento di ‘flattening’ della curva, in cui spicca il sostanziale allineamento dei differenziali del segmento 10/2 e 10/30.

Poca rilevanza viene attribuita al basso di livello di mutualizzazione del rischio degli acquisti, il 20% contro l‘80% in capo alle singole banche nazionali, né sembra esserci eccessivo timore per l‘esito delle elezioni greche, dove continua ad essere in testa Syriza, che ha fatto delle rinegoziazione del bailout la sua bandiera.

“Al momento non sembrano esserci elementi in grado di invertire il trend rialzista”, dice un trader.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below