19 settembre 2014 / 13:03 / tra 3 anni

Sterlina riduce guadagni visti dopo Scozia

NEW YORK (Reuters) - Dopo essersi portata al massimo di due settimane contro il dollaro, di due anni sull‘euro - 78,05 pence - e dei sei anni contro lo yen, la valuta britannica riduce i guadagni con gli investitori che tornano a concentrarsi sull‘economia e su eventuali nuove problematiche per la costituzione del Regno Unito.

Il premier conservatore David Cameron ha detto che la questione dell‘indipendenza scozzese è risolta almeno “per una generazione”, ma ha annunciato anche una riforma dei poteri locali in tutta la Gran Bretagna. Nelle ultime settimane prima del voto i leader dei tre principali partiti britannici, colpiti dalla forza della campagna per l‘indipendenza, avevano offerto agli scozzesi maggiore autonomia all‘interno del Regno Unito.

“C‘è ancora da preoccuparsi per le prospettive di sconvogimento significativo della costituzione”, dice Gregor Macintosh di Lombard Odier.

Il dollaro si è invece rafforzato sui cross dopo il buon dato sulle richieste di sussidi di disoccupazione in Usa pubblicato ieri, che hanno intensificato le attese di una politica monetaria restrittiva da parte della Fed. L‘euro ha toccato ieri il minimo dei 14 mesi contro il biglietto verde a 1,2834.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below