16 settembre 2014 / 13:08 / tra 3 anni

Banche, Abi: sofferenze lorde luglio a 172,3 miliardi da 170,3 giugno

ROMA (Reuters) - Prosegue la crescita delle sofferenze sia lorde sia nette delle banche italiane a luglio e cresce anche il rapporto tra le sofferenze nette e gli impieghi totali. Ancora in calo i prestiti sia alle famiglie sia alle imprese, anche se con minore intensità, e in diminuzione, su base annua, la raccolta a medio e lungo termine tramite obbligazioni: ad agosto registra un -9,8%, con un decremento in valore assoluto di quasi 51 miliardi di euro.

Un trader al lavoro in una banca a Milano. REUTERS/Alessandro Garofalo

Sono alcuni dei dati che si rilevano dal bollettino mensile di settembre diramato oggi dall‘Abi.

Le sofferenze lorde sono risultate a luglio pari a 172,3 miliardi, dai 170,3 di giugno. Sempre a luglio, il rapporto sofferenze lorde su impieghi è stato del 9% (7,2% un anno prima; 2,8% a fine 2007), valore che raggiunge il 15,3% per i piccoli operatori economici (12,9% a luglio 2013; 7,1% a fine 2007), il 14,8% per le imprese (11,3% un anno prima; 3,6% a fine 2007) ed il 6,6% per le famiglie consumatrici (6,6% a luglio 2013; 2,9% a fine 2007).

Anche le sofferenze nette registrano un aumento, passando dai 77 miliardi di giugno ai 78,2 miliardi di luglio. Il rapporto sofferenze nette su impieghi totali è risultato pari al 4,30% a luglio dal 4,22% di giugno (3,85% a luglio 2013; 0,86% prima dell‘inizio della crisi).

I prestiti hanno registrato ad agosto una contrazione del 2,3% su base annua in miglioramento rispetto al -2,5% del mese precedente e dal -4,5% di novembre 2013, quando avevano raggiunto il picco negativo.

I finanziamenti a famiglie e imprese si posizionano a -1,1% come variazione annua ad agosto (-1,3% del mese precedente e -4,5% a novembre 2013), miglior risultato dal luglio 2012. Dalla fine del 2007, prima dell‘inizio della crisi, ad oggi i prestiti all‘economia sono passati da 1.673 a 1.818 miliardi di euro, quelli a famiglie e imprese da 1.279 a 1.418 miliardi di euro.

Ad agosto 2014 l‘ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.818 miliardi di euro, è risultato superiore all‘ammontare complessivo della raccolta da clientela, 1.708 miliardi di euro.

Ancora in calo i tassi: ad agosto il tasso medio sul totale dei prestiti è risultato pari al 3,77% (3,81% il mese precedente; 6,18% a fine 2007).

Stazionario infine lo spread fra il tasso medio sui prestiti e quello medio sulla raccolta a famiglie e società non finanziarie: ad agosto è risultato pari a 213 punti base (214 punti base a luglio 2014).

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italianoLe top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below