July 10, 2014 / 11:25 AM / 4 years ago

Rottapharm ritira Ipo, cita mercato sfavorevole

MILANO (Reuters) - Nel giorno della chiusura dell’offerta pubblica di vendita Rottapharm ha deciso di fare marcia indietro e di non sbarcare in borsa, anche a causa del peggioramento del mercato.

L’azionista venditore, la Fidim della famiglia Rovati, e i coordinatori dell’operazione hanno infatti ritenuto che “non si siano verificate le condizioni per un’operazione che rispecchi oggi il valore intrinseco della società, anche alla luce della sfavorevole situazione del mercato mobiliare domestico ed internazionale che hanno determinato un repentino cambiamento nelle aspettative degli investitori sugli assets europei ed in particolare dell’Europa meridionale”, spiega una nota.

Una fonte vicina al consorzio sottolinea che gli investitori sono diventati più selettivi e che la società, non avendo bisogno immediato di fondi, ha preferito ritirare l’Ipo.

Due gestori spiegano di non avere nemmeno guardato il dossier, vista la correzione a cui si assiste sul mercato azionario. Dopo aver toccato i massimi dell’anno lo scorso 10 giugno l’indice FTSE Mib ha iniziato a ritracciare, intensificando la discesa da inizio luglio. Anche gli altri indici azionari europei hanno registrato un calo.

Uno dei gestori mette inoltre in evidenza come recentemente il mercato sia stato inoldato di carta, con numerose Ipo, e che si attende il collocamento di quote di Eni ed Enel.

Un analista del settore sottolinea che il gruppo farmaceutico della famiglia Rovati era un caso d’investimento interessante ma che la convenienza dipendeva molto dal prezzo, dal momento che la forchetta era molto amplia.

L’intervallo indicativo dell’offerta, che doveva portare la società al debutto in borsa il 16 luglio, era stata fissata a 7,25-9 euro, attribuendo alla società una capitalizzazione tra 1,45 e 1,8 miliardi.

Il ritiro dell’offerta di Rottapharm, che arriva dopo una serie di operazioni deludenti, getta ombre anche sull’Ipo di Sisal. La società dei giochi chiuderà l’offerta il prossimo 14 luglio.

Nelle scorse settimane Fincantieri per riuscire a quotarsi ha dovuto ridurre la taglia dell’offerta e prezzarla al minimo, a 0,78 euro. A una settimana dall’esordio scambia poco sotto 0,75 euro.

Anche Cerved è subito scesa sotto il prezzo di collocamento di 5,1 euro e oggi è trattata in area 4,77 euro.

Si salva solo Fineco, scambiata a 3,99 euro, rispetto a un prezzo fissato a 3,7 euro.

Global coordinator dell’operazione di Rottapharm erano Deutsche Bank, Goldman Sachs, JP Morgan, che agiscono anche come bookrunner assieme a Banca Imi, Jefferies, Morgan Stanley.

(Paola Arosio, Elisa Anzolin)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below