8 luglio 2014 / 11:14 / 3 anni fa

Btp, prevale lieve debolezza con bassi volumi, mercato guarda ad aste

MILANO (Reuters) - Tono lievemente negativo questa mattina per il mercato obbligazionario italiano, in una settimana finora povera di spunti, ma che sarà ravvivata nella sua parta finale dalla tornata d‘aste italiane di metà mese.

Un trader al lavoro. REUTERS/Stefano Rellandini

La poca voglia di esporsi da parte degli investitori, combinata con la liquidità relativamente scarsa sul mercato, è alla base della debolezza odierna di tutto il segmento periferico, con gli operatori che citano qualche vendita da parte di fondi ‘real money’ internazionali sulle scadenze centrali della curva.

“Il mercato è in una fase di relativa stabilità, al di là del dibattito in corso tra governo italiano e Germania sulla flessibilità, ma è fisiologico che un po’ di debolezza si possa sentire prima delle aste” afferma lo strategist di una banca londinese. “A livello di volumi non siamo ancora in quella situazione di aria rarefatta, ma sicuramente il clima sul mercato è già quasi estivo”.

La prima tappa delle aste italiane è quella di giovedì, con l‘offerta di 6,5 miliardi di euro di Bot a 6 mesi; contestualmente arrivano a scadenza buoni per 7 miliardi.

Il giorno dopo sarà la volta delle aste a medio lungo termine, i cui dettagli saranno comunicato dal Tesoro oggi pomeriggio a mercati chiusi. Intesa Sanpaolo prevede per venerdì un‘offerta fino a 2,5 miliardi di euro di Btp a 3 anni, altrettanto per il Btp a 7 anni e fino a 1,5 miliardi sulla scadenza trentennale.

OGGI ‘ROLL’ BTP 10 ANNI, SPREAD SALE

Occorre sottolineare che oggi, su piattaforma Tradeweb, si è avuto il ‘roll’ del benchmark decennale, dal ‘vecchio’ marzo 2024 al ‘nuovo’ settembre 2024: ciò provoca un movimento di allargamento dello spread Italia-Germania di natura tecnica, non direttamente legato all‘andamento odierno del mercato.

A metà seduta il differenziale di rendimento tra Btp e Bund decennali, considerando il nuovo benchmark italiano risulta in area 160 punti base; considerando invece il vecchio benchmark, che a fine mattinata scambia al 2,73%, lo spread risulta invece a 149 pb, appena in lieve allargamento dai 145 della chiusura di ieri (per il Bund il benchmark resta il maggio 2024, che scambia al rendimento dell‘1,24%).

Intanto sul mercato primario è stata attiva stamane la Grecia, che ha collocato 1,625 miliardi di titoli a 6 mesi, con tasso in calo al 2,05%.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below