June 2, 2014 / 9:23 AM / 4 years ago

Btp in lieve rialzo con volumi festivi, spread su Bund a 164 pb

MILANO (Reuters) - Poco mosso il mercato obbligazionario italiano in una seduta dai volumi ridotti per la festività nazionale del 2 giugno.

Banconote di euro, Berlino, 21 marzo 2014. REUTERS/Tobias Schwarz

Tassi e spread hanno viaggiato lungo tutta la mattinata in linea con i valori di chiusura di venerdì scorso, con l’affermarsi poi a metà seduta di un tono leggermente positivo: su piattaforma Tradeweb il differenziale di rendimento tra Btp e Bund decennali tratta in restringimento a 164 punti base, mentre il rendimento sul 10 anni italiano tocca un minimo intraday al 2,94%.

“Oggi il mercato tiene, ma la situazione è assolutamente tranquilla e i volumi decisamente festivi” afferma un trader da Milano, aggiungendo che la curva italiana rimane praticamente invariata.

Nessun particolare contraccolpo è stato subito dal mercato dopo la pubblicazione dei Pmi manifatturieri europei di maggio che hanno dato una chiara indicazione di rallentamento dell’attività, corroborando le attese di nuove misure espansive da parte della Bce nel meeting di giovedì.

“La Bce si muoverà giovedì, ma più che per i Pmi per via del suo mandato, che è chiaro: tenere l’inflazione vicina al 2%. E non siamo assolutamente a quei livelli, anzi da questo punto di vista si muove molto in ritardo” prosegue il trader.

Secondo alcuni osservatori il mercato obbligazionario della zona euro, sia core sia periferico, potrebbe vedere a breve una forte correzione, dopo il meeting Bce, una volta annunciate le nuove misure espansive sull’attesa delle quali si è costruito il rally degli ultimi mesi.

“Io non ci credo e anzi ritengo che dopo la Bce ci possano essere altri spazi di risalita” afferma un secondo operatore, sempre da Milano. “Il fatto che il mercato sia salito molto non mi sembra una ragione sufficiente o strutturale per ipotizzare un crollo. Lo spread tra Btp e Bund potrebbe stringere ancora, fino a 100-120 entro fine anno, e se Renzi si inventa qualcosa di grosso potrebbe stringere ancora di più”.

Nel pomeriggio arriveranno le raccomandazioni della Commissione europea sui vari paesi, che sull’Italia dovrebbero riguardare in particolare l’andamento del deficit strutturale. A quanto emerso negli ultimi giorni Bruxelles avrebbe individuato la necessità di una correzione maggiore rispetto quanto fatto finora dal governo, anche se si lavora fino all’ultimo per smussare le differenze e probabilmente non verrà formalizzata la richiesta di una manovra aggiuntiva.

Nell’ambito del segmento periferico si muove in calo oggi il debito portoghese, dopo che venerdì sera, a mercati chiusi, la Corte suprema del paese ha bocciato diverse misure di rigore contenute nella legge di bilancio di quest’anno.

Il rendimento del decennale portoghese sale in mattinata al 3,68% dal 3,65% dell’ultima chiusura.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below