May 22, 2014 / 7:08 AM / 4 years ago

BORSE ASIA-PACIFICO - Indici ai massimi da un anno dopo Pmi cinese, Fed

ROMA (Reuters) - - L’azionario giapponese guida le borse asiatiche ai massimi da un anno sulla scia di una ripresa del manifatturiero cinese che ha smorzato il pessimismo sull’andamento della seconda economia mondiale.

Mercati tonici anche per le minute della Fed che hanno rassicurato gli investitori sulla volontà della banca centrale di continuare a sostenere l’economia Usa, deprimendo lo yen.

L’indice MSCI dell’area Asia-Pacifico al di fuori del Giappone segna il massimo da maggio 2013 guadagnando oltre l’1%.

TOKYO ha chiuso con un rialzo superiore al 2% con lo yen in calo dopo i massimi da tre mesi e mezzo contro dollaro di ieri.

Borse cinesi toniche sui dati Pmi e con i titoli legati al mercato del gas in rialzo dopo lo storico accordo siglato ieri con la Russia sulle forniture. Bene HONG KONG mentre SHANGHAI in controtendenza perde lo 0,08%. Prada piatta.

A TAIWAN l’indice Taiex chiude in rialzo di oltre l’1%. In evidenza l’indice dei gruppi tecnologici che guadagna l’1,60%.

SEUL chiude ai massimi da cinque mesi e mezzo, sempre sulle minute Fed e i dati manifatturieri cinesi.

SINGAPORE segna piccoli guadagni con i titoli del settore trasporti in territorio misto dopo la notizia di ieri che il Parlamento dovrebbe aumentare la spesa per la rete ferroviaria.

SYDNEY ai massimi giornalieri da tre mesi e mezzo, spinta dai dati del Pmi cinese.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below