May 9, 2014 / 11:04 AM / 5 years ago

Btp ancora positivi dopo Bce, spread e tasso 10 anni a nuovi minimi

MILANO (Reuters) - Prosegue il trend molto positivo del secondario italiano sulla scia dell’annuncio del presidente della Bce di un possibile intervento il mese prossimo, in una seduta in cui spiccano i nuovi minimi raggiunti dal tasso del decennale e dal differenziale di rendimento tra il 10 anni italiano e quello tedesco.

Un trader al lavoro. REUTERS/Alessandro Garofalo

In tarda mattinata, il rendimento del decennale si attesta a 2,92% dopo essere sceso alla soglia di 2,90%, segnando un nuovo minimo dall’introduzione dell’euro. Lo spread tra il 10 anni italiano e quello tedesco è a quota 147 punti base, dopo aver toccato nei primi scambi i 145 pb, minimo dal 15 aprile 2011.

Ieri nel suo intervento in conferenza stampa dopo il meeting della Bce, Mario Draghi ha parlato esplicitamente di una possibile mossa da parte della banca centrale, nel meeting del prossimo mese.

“Dopo essere schizzato ieri sulle parole di Draghi, il mercato continua ad andare molto bene anche oggi. Assistiamo nella seduta odierna a una curva che si appiattisce sulla parte breve e si irripidisce su quella lunga: i rendimenti delle scadenze a breve non possono scendere più di tanto ancora mentre c’è piu spazio per quella a 10 anni”, spiega un dealer di una banca milanese.

In attesa della riunione della Banca centrale europea del mese prossimo, “continueremo ad assistere a un ‘mood’ positivo anche se probabilmente non mancherà qualche storno”, spiega ancora il dealer.

“Possiamo considerare come nuovo target il rendimento del decennale Usa, attualmente in area 2,6%. Più i rendimenti dei periferici si avvicinano a quelli della carta Usa, più gli acquisti fisiologici che provengono anche da Usa e Giappone, si dovrebbero fermare”, commenta.

Intanto all’inizio della prossima settimana prenderà il via la tornata d’aste italiane di metà mese.

Si parte lunedì con i Bot: l’offerta è di 6,5 miliardi di euro di buoni a 12 mesi.

“Per le aste su scadenze a breve ci aspettiamo una diminuzione del ‘bid to cover’, considerati i rendimenti bassi”, aggiunge il dealer.

Martedì sarà la volta dell’offerta a medio lungo in cui il Tesoro lancerà il nuovo Btp triennale maggio 2017, cedola 1,15%. La prima tranche del nuovo triennale verrà offerta per 3,5-4 miliardi di euro; ad essa si aggiungeranno le riaperture del Btp 7 anni maggio 2021, per 1,75-2,25 miliardi, e dei due titoli lunghi febbraio 2037 e agosto 2034, per complessivi 0,5-1 miliardo di euro.

“Con questo movimento del mercato il nuovo 15 anni via sindacato dovrebbe essere accelerato”, commenta il dealer.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below