9 maggio 2014 / 07:24 / tra 4 anni

Borsa Milano cala, peggio di Europa, su vendite bancari

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude in ribasso, facendo decisamente peggio delle altre piazze europee, a causa di realizzi sui titoli bancari e dopo il calo di alcune blue chip come Prysmian e Cnh.

Milano, la sede di Borsa Italiana, in una foto del marzo 2013. REUTERS/Alessandro Garofalo

Il clima è debole anche in Europa, che dopo la corsa di ieri fa i conti oggi con i brutti risultati del gigante delle tlc Telefonica.

L‘indice FTSEMib chiude in ribasso dell‘1,56%, l‘Allshare dell‘1,5%. Volumi per 3,3 miliardi.

Derivato FTSEMIb a 21.110 punti, dopo il lieve rimbalzo sul supporto in area 21.000.

L‘azionario europeo cede lo 0,29%.

Madrid, la più volatile delle borse europee, perde lo 0,9%, Parigi, Londra e Francoforte segnano cali più contenuti.

Scendono le banche dopo il rally della vigilia innescato dall‘apertura di Draghi a un possibile intervento espansivo a giugno. UNICREDIT, -2,9%, INTESA SANPAOLO -2,36%. Pesanti AZIMUT in calo del 4,5%, MEDIOBANCA che cala di oltre il 5%, POP EMILIA -7%. L‘indice di settore in Europa cede l‘1,2%.

Nuovo calo di PRYSMIAN, dopo i risultati trimestrali in contrazione e la revisione al ribasso della guidance a causa dei ritardi nell‘esecuzione di un progetto. Il gruppo ha smentito di avere allo studio un‘integrazione con Nexans.

CNH perde terreno dopo la trimestrale di ieri pomeriggio e dopo il piano industriale al 2018. I broker giudicano i risultati inferiori alle attese e non mostrano entusiasmo sul business plan.

Lieve rimbalzo di FIAT, dopo la caduta seguìta al nuovo piano industriale in un settore leggermente negativo in Europa. Gli analisti considerano gli obiettivi troppo ambiziosi, soprattutto in termini di debito e pensano sia necessario un aumento di capitale.

ATLANTIA positiva nel pomeriggio, in vista dei risultati, non si muove dopo la diffusione dei dati, che evidenziano un aumento dell‘utile a doppia cifra.

In rialzo anche AUTOGRILL, anch‘essa legata al traffico autostradale.

Modesta flessione per TELECOM a fronte del netto ribasso di TELEFONICA, primo azionista, che ha deluso il mercato con la sua trimestrale in contrazione.

DMAIL sale del 5% dopo gli accordi di ristrutturazione del debito, con volumi sopra la media, ma sempre esigui, inferiori al milione di euro a fine seduta.

Tonica SEAT, ma nel range degli ultimi mesi e vicina allo zero come valore, quota 1,9 millesimi di euro.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below